Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > “Il fatto non sussiste”: assolto professionista di Naro

“Il fatto non sussiste”: assolto professionista di Naro

La giudice del Tribunale di Agrigento, Rosanna Croce, ha assolto “perché il fatto non sussiste” un noto professionista di Naro.

C.A., nel corso di un controllo dei carabinieri della locale stazione, era stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento per reati  in materia di armi. Secondo l’accusa aveva portato fuori dalla propria abitazione, in luogo pubblico o aperto al pubblico, un’arma comune da sparo, pur essendo legittimo possessore di un fucile da caccia ritualmente denunciato, munito d’idoneo e legale titolo di polizia e regolarmente custodito nella sua abitazione.

La giudice, accogliendo le conclusioni della Pm Cellura e del difensore dell’uomo, l’avvocato Giovanni Tesè, ha posto fine, dopo un anno e cinque udienze, alla vicenda giudiziaria.

Il legale che, nel corso del processo ha provato l’insussistenza dei fatti e la totale l’innocenza del suo assistito, ha evidenziato che “la sentenza di assoluzione con formula ampiamente liberatoria pronunciata dalla Dottoressa Rosanna Croce, nel caso che ci occupa, non soltanto ha reso giustizia a una persona rispettosa delle leggi restituendole dignità e serenità, ma al tempo stesso ha anche rafforzato la consapevolezza che la nostra democrazia, seppur con le sue naturali e umane lacune, offra pur sempre ai cittadini gli strumenti e le garanzie affinché, prima o dopo, la verità e la giustizia possano trionfare”.

L’imputato, dopo la lettura del dispositivo, visibilmente commosso, ha sottolineato “malgrado tutto, non ho mai smesso un solo istante di credere nella Legge; la sentenza pronunciata dalla Dottoressa Rosanna Croce oltre ad avermi restituito la serenità che per oltre un anno avevo perso, mi offre l’occasione di confermare quella fiducia e quel rispetto che da sempre nutro nei confronti della Magistratura italiana”.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su