Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento montana > I NAS CHIUDONO LA POSTAZIONE DEL 118 A CAMMARATA

I NAS CHIUDONO LA POSTAZIONE DEL 118 A CAMMARATA

“Chiusura e sgombero dei locali della postazione del 118 di Cammarata, con gli Operatori addetti al servizio che hanno trascorso la notte in auto, senza che l’Azienda si sia premurata di trovare una soluzione alternativa”. A denunciarlo è Cimo Sicilia, il Sindacato dei medici.
“Dopo che la Segreteria Aziendale CIMO di Agrigento ha ripetutamente segnalato, sia ai vertici Aziendali che all’Assessorato, il degrado di diverse strutture dell’ASP e il disagio ambientale in cui si trovano costretti a lavorare molti dipendenti – si legge in una nota – nelle ultime settimane si sono registrati numerosi interventi dei Nas che stanno rilevando e verbalizzando una serie di irregolarità prescrivendo gli interventi del caso all’ASP di Agrigento.  L’ASP di Agrigento ha un Servizio di Prevenzione e Protezione, affidato con un incarico 15 septies, tramite una procedura contestata da CIMO anche tramite un esposto inviato alla Corte dei Conti, ad un soggetto esterno. Questo delicato Ufficio non è in grado, evidentemente, di svolgere al meglio il proprio ruolo.
A nessuno, né in Azienda né in Assessorato, sembrano interessare i problemi legati alla sicurezza sui luoghi di lavoro – segnala Cimo Sicilia –  ma la “scomoda” e battagliera Segreteria Aziendale CIMO ha continuato a denunciare queste situazioni ai limiti della decenza e del decoro dei lavoratori. Si è preferito aspettare l’intervento dei NAS e la chiusura dei locali assegnati al 118, con conseguente multa da pagare e correlato procedimento penale come previsto dalla normativa vigente. Speriamo almeno che adesso qualcosa di concreto venga fatto, senza dover attendere le calende greche e senza che gli Operatori del 118 – conclude il sindacato dei medici – continuino a trascorre le notti di guardia per strada in perfetto stile terremotati”.
Galleria
Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su