Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Paura a Canicattì: uomo aggredito da branco di cani

Paura a Canicattì: uomo aggredito da branco di cani

Stava camminando tra via Pavese e via Pirandello quando è stato aggredito da un branco di cani di grossa taglia. Protagonista della vicenda un uomo di 70 anni di Canicattì. L’episodio è accaduto il 2 ottobre, intorno alle 21.40 circa, ma la notizia è stata resa nota solo stamattina dalla legale di fiducia della vittima.

Gli animali, alcuni dei quali apparterrebbero ad una canicattinese e altri randagi, si sono avventati contro l’uomo, mordendolo in diverse parti del corpo. L’anziano è riuscito a liberarsi dai cani solo dopo l’intervento della donna che ha richiamato l’attenzione dei suoi e dei randagi, che la seguivano. Per le diverse ferite riportate, ha dovuto fare ricorso alle cure del Pronto Soccorso dell’ospedale “Barone Lombardo” di Canicattì, dove le ferite sono state suturate. I medici gli hanno dato una prognosi di dieci giorni, oltre alla  prescrizione di profilassi antibiotica.

Sul posto, dopo la segnalazione del 70enne, è intervenuta una pattuglia degli agenti del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza.

L’uomo, assistito dall’avvocata MariaTeresa Meli, oltre ad avere sporto denuncia alla competente autorità giudiziaria, ha formulato richiesta di risarcimento alla proprietaria degli animali, al Comune di Canicattì, in solido con l’Asp di Agrigento. “La prima – spiega la legale – per non aver vigilato sui propri animali, peraltro aggressivi e di grossa taglia, lasciandoli  incustoditi e privi di museruola; i secondi  per non avere  ottemperato disposizione contenute nella  L. n. 281/1991 e successive  che  affida alle amministrazioni comunali e ad altri enti pubblici,  il dovere istituzionale di prevenire il fenomeno del randagismo”.

L’aggressione è avvenuta a poche centinaia di metri dalla scuola “Don Bosco”. Quei cani rappresentano un pericolo per l’incolumità di quanti frequentano l’istituto a cominciare dai bambini e dai loro genitori, costretti a parcheggiare nelle vicinanze.

(foto: archivio)

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su