Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, i carabinieri passano al setaccio i locali che trasmettono Juve–Empoli. Denunciati cinque titolari

Canicattì, i carabinieri passano al setaccio i locali che trasmettono Juve–Empoli. Denunciati cinque titolari

 

carabinieriCollegavamo i decoder delle loro abitazioni alle tv di bar e ristoranti in occasione delle partite di calcio truffando le società che mandavano in onda gli incontri.  Protagonisti cinque titolari di altrettanti esercizi pubblici di Canicattì.

A scoprire l’imbroglio  sono stati i carabinieri della locale stazione che, ieri sera, mentre andava in onda il match tra Juventus ed Empoli, hanno compiuto una ventina di controlli in altrettanti bar, ristoranti, pub e tavole calde.

I militari hanno riscontrato che in cinque attività  la proiezione pubblica veniva effettuata tramite smart card e decoder regolare, ma abilitata esclusivamente all’uso domestico e familiare,  quindi pagando il canone mensile alla società titolare della piattaforma che gestisce il servizio di pay-tv o pay per view, per la visione in un domicilio privato e non pubblico. I titolari delle attività, per attirare qualche cliente in più ed incrementare gli introiti usavano questo trucco violando la legge sulla tutela del diritto d’autore.

I cinque, che sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria, adesso dovranno pagare alle rispettive società truffate, una penale di 3 mila o 800 euro e sottoscrivere il nuovo abbonamento commerciale per la visione dei programmi.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su