Sbiancamento della barriera corallina. I coralli sbiancano a causa dello stress da calore. Noa annuncia. Cambiamento climatico

È iniziato il quarto sbiancamento globale dei coralli. Come hanno confermato i ricercatori della National Oceanic and Atmospheric Administration statunitense, ciò è accaduto in più della metà degli ecosistemi acquatici. Sebbene questo processo sia finora reversibile, gli scienziati temono che questa volta perderemo molte barriere coralline.

Lo sbiancamento dei coralli è il processo di rimozione delle alghe simbiotiche dal tessuto dei coralli. In condizioni normali, questi microrganismi colorati sono compagni di vita essenziali per le barriere coralline: ottengono per loro le sostanze nutritive. Tuttavia, i processi metabolici delle alghe vengono interrotti a causa dell’elevata temperatura dell’acqua e dello stress termico associato. I microrganismi “inutili” vengono espulsi dal tessuto del corallo, che assume un caratteristico colore bianco.

Come riportato lunedì dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti, questo processo sta attualmente colpendo le barriere coralline di tutto il mondo. Questo è il quarto evento globale di sbiancamento dei coralli osservato negli ultimi tre decenni e il secondo negli ultimi 10 anni.

Più della metà degli ecosistemi

Gli scienziati determinano i criteri di sbiancamento basandosi sull'osservazione della temperatura dell'acqua e delle condizioni delle barriere coralline. Affinché un evento possa essere considerato globale, deve verificarsi nei tre principali bacini oceanici – Atlantico, Pacifico e Indiano – in un periodo di 365 giorni. Nel caso dell’attuale evento di sbiancamento, a febbraio 2023, il fenomeno è stato osservato in 54 paesi e territori.

“Più del 54% delle aree della barriera corallina negli oceani del mondo stanno sperimentando stress da calore a livelli che causano lo sbiancamento”, ha affermato Derek Manzello, coordinatore del Programma di monitoraggio della barriera corallina della NOAA.

READ  Il tempo per mangiare ha un effetto sull'aspettativa di vita dei pazienti diabetici

L’attuale sbiancamento, come gli ultimi tre – nel 1998, 2010 e 2014-2017 – è coinciso anche con il verificarsi dell’evento meteorologico anomalo El Niño, che tipicamente porta a temperature del mare più elevate. Ma l’anno scorso, le acque superficiali si sono rivelate particolarmente calde, poiché l’impatto di El Niño si è moltiplicato per il cambiamento climatico.

Sbiancamento delle barriere coralline del PacificoAdobe Stock

Perdite irreversibili

Lo sbiancamento stesso è un processo reversibile: quando lo stress termico nell’ambiente diminuisce, i coralli riacquistano le alghe simbiotiche e possono continuare a vivere. Tuttavia, gli scienziati temono che un periodo così intenso e prolungato di temperature elevate possa contribuire alla morte delle barriere coralline prima che possano ricostruirsi.

“Ciò che sta accadendo ora è qualcosa di nuovo per noi e per la scienza”, ha affermato Lorenzo Alvarez Felipe dell’Università Nazionale Autonoma del Messico. – Non siamo ancora in grado di prevedere come le barriere coralline riusciranno a far fronte allo stress estremo.

I ricorrenti eventi di sbiancamento mettono in discussione le proiezioni precedenti secondo cui tra il 70 e il 90% delle barriere coralline del mondo potrebbero andare perdute quando le temperature saliranno a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. In un rapporto del 2022 del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite, gli esperti hanno scoperto che un aumento della temperatura di soli 1,2 gradi Celsius sarebbe sufficiente per avere un grave impatto sulle barriere coralline. Questa è una notizia particolarmente negativa perché finora l’aumento della temperatura globale ha raggiunto circa 1,2 gradi Celsius.

“La spiegazione realistica è che abbiamo superato il punto di svolta per le barriere coralline”, ha affermato David Obora della ONG Coastal Ocean Research and Development. Ha aggiunto: “Si stanno dirigendo verso un declino che non possiamo fermare se non riduciamo seriamente le emissioni di anidride carbonica”.

READ  In diversi dispositivi, diversi tipi di SARS-CoV-2

Il mondo sta diventando più caldoBab/Reuters

Fonte immagine principale: Adobe Stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto