Salvini non serve più? Il fondatore della lega vuole sostituirlo – EURACTIV.pl

Con il calo di popolarità del vice primo ministro Matteo Salvini, sia all'interno del suo partito che alle elezioni nazionali, il fondatore della Lega ha chiesto che il controverso politico venga sostituito alla guida del partito.

Durante le celebrazioni del 40° anniversario del partito, sabato (13 aprile), il suo fondatore Umberto Bossi Ha affermato senza mezzi termini che il gruppo “ha bisogno di un nuovo leader”.

La Lega, fondata nel 1989 come Lega Nord (e mantenendo tale nome fino alle elezioni del 2018), originariamente sosteneva di rendere l’Italia uno Stato federale con maggiore autonomia regionale, in particolare nelle regioni settentrionali.

Un tempo il partito di Bossi sosteneva anche la secessione del nord Italia. L’attuale leader ha abbandonato questa posizione estrema Matteo Salvini Il partito iniziò a guadagnare importanza nella politica nazionale. Le richieste percepite come ostili provenienti dal sud del paese hanno quindi cominciato a ostacolare piuttosto che aiutare il partito.

Riconoscendo il ruolo di Bozzi nella costruzione del partito, Matteo Salvini ha affermato durante la cerimonia che “Bozzi, che ha costruito tutto, può fare qualsiasi cosa”.

Ha ringraziato Posey per i suggerimenti che ha affrontato e continua ad affrontare come presidente della lega, ma anche per le critiche e le sfide costruttive.

Nonostante ciò, ci sono chiari segnali di malcontento interno alla Lega nei confronti della leadership di Salvini.

– Bossi è il fondatore, quindi è la bussola morale della Lega, ma una parte del partito è molto insoddisfatta della strada scelta da Salvini, che potrebbe far perdere le elezioni alla Lega – ritiene Lorenzo CastellaniLuis Guido è uno scienziato politico presso la Carle University.

READ  40 La migliore Candela elettrica del 2022 - Non acquistare una Candela elettrica finché non leggi QUESTO!

La Lega, che attualmente gode dell'8% dei consensi, deve far fronte alla concorrenza di altri partiti come Forza Italia, che potrebbe superarla alle prossime elezioni europee.

La svolta di Salvini verso l'estremismo di destra ha intensificato l'opposizione alla sua leadership all'interno del partito. Alcuni politici della Lega sostengono un ritorno alle richieste di federalismo, libertà d’impresa, euroscetticismo e una politica migratoria più dura.

Chi è Salvini?

I giornalisti gli hanno chiesto se volesse sostituire Salvini come ministro dell'Economia Giancarlo GiorgettiBossy rispose timidamente.

– Giorgetti è molto simpatico, ma hai fatto il suo nome, non io. Altrimenti lo distruggeranno, ha detto.

Ma secondo Castellani Giancarlo Giorgetti era più un tecnico che un politico di peso massimo.

– Ora è il più grande alleato (del Primo Ministro). Giorgio – rosso.) Meloni – Anche se i due appartengono a partiti diversi (la Meloni è a capo del partito Fratelli Italiani), “vanno molto d'accordo”, ha detto.

Altro personaggio famoso che potrebbe sostituire Salvini alla guida della Lega: il presidente della Regione Veneto Luca Zaia e Presidente della Camera dei Deputati italiana Lorenzo Fontana.

Secondo Castellani la scelta del nuovo presidente dipenderà dalla direzione in cui vorrà andare la Lega.

– Se la Lega vuole tornare alle origini e diventare nuovamente Lega Nord, questi dati torneranno utili. Ma se è un partito nazionale, ha bisogno di un leader che sia a suo agio con la politica nazionale. Nel Paese si conoscono due politici del genere: Salvini e Giorgetti – spiega il ricercatore.

Nonostante le voci, Castellani ritiene improbabile un cambio alla guida della Lega prima delle elezioni del Parlamento europeo.

READ  10 La migliore manila grace borse del 2024 - Non acquistare una manila grace borse finché non leggi QUESTO!

– Al massimo tutti aspettano il fallimento di Salvini. Quando Salvini sarà finalmente sconfitto, ci saranno movimenti all'interno del partito e forse si terrà un congresso, ipotizza l'esperto.

Tuttavia, ha aggiunto, “anche in una situazione del genere, non è convinto che ci sarà un cambio di presidente del club”.

Perché ciò accada, le elezioni di giugno “dovrebbero andare malissimo e la Lega dovrebbe vincere con il 6 per cento”. O anche meno”, dice il politologo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto