Pegaso. Mariusz Kaminski e Maciej Vasic alla conferenza – Manipolazioni e ignoranze contro fatti

Mercoledì gli ex capi dei servizi segreti Mariusz Kaminski e Maciej Vasic hanno invitato i giornalisti a dire la “verità sulla politica di Pegasus e sull'attività dei media”. Tuttavia nel loro intervento hanno trattato pochi fatti ed hanno evitato gli inconvenienti, sono rimasti in silenzio ed hanno evitato di rispondere alle domande dei giornalisti. Confrontiamo le opinioni espresse dagli ex deputati della BRI con i fatti.

Gli ex deputati del PiS e capi del Ministero degli Interni Mariusz Kaminski e Maciej Vasic – e il loro partito – hanno invitato i giornalisti ad una conferenza stampa da mercoledì mattina. In realtà si è trattato di una dichiarazione: dopo la prima domanda dei giornalisti, i due hanno lasciato la stanza.

Kaminsky e Wasik hanno sostenuto che la conferenza “mira a presentare la verità sull'operazione politica e mediatica 'Pegasus'”. Tuttavia, hanno gestito alcuni fatti e messo a tacere gli scomodi.

Di seguito discutiamo delle macchinazioni e dei fatti taciuti dai politici del PiS.

Prima manipolazione

Secondo l'ex ministro dell'Unificazione e il suo vice l'acquisto del sistema Jarvis (nome polacco di Pegasus dalla società israeliana NSO) era del tutto legale. Nel 2017, la CPA e la polizia hanno nominato una “squadra speciale di esperti” per preparare l’acquisizione di un sistema in modo che le ispezioni operative possano essere effettuate in modo efficace. – Il comitato ha valutato l'appalto come legale, giusto e sicuro e ha ricevuto pareri pertinenti, compresi quelli legali, da organizzazioni esterne – ha affermato Maciej Wąsik.

I politici non hanno specificato quali società esterne abbiano espresso interesse ad acquistare il sistema. Inoltre non hanno detto nulla sulle accuse dell'Ufficio supremo di controllo contro il sistema di appalti dell'Ufficio centrale anticorruzione.

Ricordiamo che durante il controllo dell’attuazione del bilancio statale nel 2017, gli ispettori dell’Ufficio supremo di controllo hanno accusato il CPA di violare la legge. Hanno sottolineato le disposizioni chiare contenute nella legge sull’Ufficio centrale anticorruzione.

Le attività della CBA sono finanziate dal bilancio dello Stato

Nel frattempo i due ministri hanno ricevuto fondi (25 milioni di PLN) per l'acquisto del sistema dal Fondo Giustizia, che è supervisionato dal Ministro della Giustizia e non fa parte del bilancio statale. Grazie a questo trasferimento i due ministri devono ancora rispondere alla domanda se la CBA non abbia reagito alla denuncia mediatica di diverse irregolarità nella spesa di milioni di zloty del fondo giudiziario.

READ  10 La migliore felpa spiderman bambino del 2024 - Non acquistare una felpa spiderman bambino finché non leggi QUESTO!

Gestione del “Pegaso Duskin”.

Secondo i due ex parlamentari, per acquistare Pegasus hanno scelto la CBA e non la polizia o l'Agenzia per la sicurezza interna, perché un organismo simile è stato acquistato per la costruzione dal governo di Donald Tusk.

Nel 2015, infatti, i media hanno rivelato che il servizio anticorruzione disponeva di un sistema chiamato Remonte Control System dell'azienda italiana Hacking Team. Le nostre informazioni mostrano che questo sistema è fondamentalmente diverso da Jarvis. Non consentiva di violare la sicurezza dei telefoni, ma dei computer, in particolare di un'applicazione: l'allora popolare Skype.

Questo sistema è stato utilizzato al massimo sotto il controllo della procura e del tribunale. A causa del timore che il suo utilizzo non fosse regolamentato dalla legge polacca, il suo utilizzo è stato interrotto dopo la fase di prova.

Un altro fatto può dimostrarlo. Negli ultimi otto anni, quando i politici di destra hanno avuto il controllo sui servizi segreti e sulla procura, non hanno riscontrato alcun illecito associato all'organizzazione. Nessuna notifica alla Procura, nessuna sentenza.

Solo per sicurezza

Mariusz Kaminski e Maciej Wasic hanno ripetutamente sottolineato che il sistema serve solo a garantire la sicurezza interna. È stato acquistato perché i servizi di messaggistica istantanea sono impossibili da violare anche se i criminali li utilizzano.

Allo stesso tempo, i politici del PiS hanno ripetutamente insistito sul fatto che il “Pegaso di Tuska” esisteva già prima della presa del potere. Non è giusto dirlo.

(sconosciuto) con l'approvazione dei tribunali

Gli ex deputati Mariusz Kaminski e Maciej Vasic hanno descritto il complesso processo per ottenere l'approvazione da parte dei servizi per l'utilizzo del controllo operativo. Secondo loro, è assolutamente rigido e protegge le persone sotto sorveglianza dagli abusi. Secondo loro, i servizi – prima di lanciare Jarvis – devono prima ottenere l'approvazione della procura, poi del tribunale.

– È il tribunale che valuta se la situazione fornita dai servizi è soggetta a controllo operativo. Maciej Wąsik ha detto che il sistema dei servizi potrà essere utilizzato solo dopo l'approvazione del tribunale.

READ  Esodo degli ambasciatori polacchi dall'Ucraina? Commento del portavoce del governo

I giudici però non sembrano essere d'accordo con l'introduzione di Jarvis, cioè Pegasus. Fino a quando questo fatto non è emerso su tvn24.pl nel settembre 2018, non sapevano che CBA utilizzava un sistema del genere.

Thuleya: C'erano richieste di controllo operativo sui politici e sui giudici allora al potere e dell'opposizioneTVN24

Il giudice di Varsavia Igor Duleya, che ha più volte esaminato le richieste di utilizzo della restrizione operativa, lo ha definito “abuso”. – Mi sento sfruttato se accetto i risultati utilizzati poi da Pegasus – ha detto nel programma “One on One” alla fine del mese scorso. Nella stessa conversazione ha anche valutato che l'utilizzo di Pegasus era illegale.

Un sistema senza controlli di sicurezza

Secondo due ex deputati il ​​sistema Pegasus non ha bisogno di essere “accreditato”. Ciò include un’indagine da parte dell’Agenzia per la sicurezza interna per verificare se il sistema ha trasferito informazioni a Israele. Voglio dire, lo scopo di “guardare gli osservatori” non è forse quello che ha sollevato così tante volte? Il generale Krzysztof Bondaryk, ex capo dell'Agenzia per la sicurezza interna.

Nel frattempo, Maciej Wąsik ha detto che Pegasus non ha bisogno di ottenere il riconoscimento come “Pegasus Tuska”. – Non è autorizzato perché ai sensi dell'articolo 51 della legge sulla protezione delle informazioni classificate, i dispositivi utilizzati direttamente per ricevere e trasmettere informazioni classificate non sono soggetti ad autorizzazione – ha spiegato.

Tuttavia, i sistemi precedentemente utilizzati per intercettazioni molto meno invasive avevano tali “certificati” della Homeland Security Agency o del Servizio di controspionaggio militare.

Tribunale: prove illegali

Gli ex supervisori dei servizi segreti hanno ripetutamente assicurato che l'uso di Pegasus era legale. Non hanno detto una parola sulla sentenza del maggio 2023 presso la Corte d’appello di Wrocław. Il fatto è stato ampiamente riportato dai media il mese scorso dopo la pubblicazione della giustificazione scritta. La corte ha ritenuto illegale l'uso di questa tecnica per raccogliere prove di crimini e ha pertanto annullato le accuse.

READ  40 La migliore Contenitore per spaghetti del 2022 - Non acquistare una Contenitore per spaghetti finché non leggi QUESTO!

– Il tribunale sostiene inoltre che i servizi hanno ricevuto informazioni in un periodo precedente all'ordinanza di limitazione operativa da parte del tribunale. Sta indagando sui dati storici e se è stato utilizzato uno strumento che consentiva l'accesso a un'ampia gamma di dati dal telefono, all'insaputa dell'imputato ma all'insaputa dell'operatore del corriere. In altre parole, ciò implica che i servizi devono aver intercettato queste informazioni accedendo in qualche modo al dispositivo, spesso utilizzando Pegasus. Ma secondo la sentenza del tribunale in base alla quale hanno agito, non potevano farlo – l'avvocato Małgorzata Mączka-Pacholak ha spiegato le sfumature della sentenza per tvn24.pl.

Chi è Pegaso?

I politici del PiS hanno ripetutamente assicurato alla loro “conferenza” che il sistema non veniva utilizzato per “combattere l’opposizione”. – Questo non è vero, ma a quel tempo questa storia dei partiti dell'opposizione era molto popolare nei media – ha sottolineato Wąsik.

Tuttavia è noto con certezza che questo sistema è stato utilizzato 33 volte contro Krzysztof Brejza. Inoltre, è stato responsabile della campagna elettorale dell'Alleanza Civica 2019. Gli SMS e i messaggi così ricevuti includevano tra gli altri: tramite WhatsApp e Signal Messenger, che venivano poi inoltrati a TVP Info, che sulla base di queste informazioni ha creato centinaia di articoli che attaccavano il politico e la sua famiglia. Dietro le quinte di queste operazioni i giornalisti “Supervisore” della TVN Maciej Duda e Łukasz Ruciński hanno rivelato nel rapporto “Nome in codice dell'operazione 'JASZCZURKA'”.

Allo stesso modo, i materiali ottenuti utilizzando la Pegasus polacca sono stati utilizzati contro il procuratore Ewa Wrsocek e il capo del dipartimento di sicurezza della capitale, Michael Domaratski. Successivamente, gli stessi materiali – prima della conclusione delle indagini e della loro divulgazione in tribunale – sono stati resi pubblici dalla Procura. L'obiettivo era quello di incriminare Zbigniew Ziobro e il generale Domaradzki, un pubblico ministero noto agli occhi dell'opinione pubblica per il suo atteggiamento critico nei confronti di uno stretto collaboratore di Rafał Trzaskowski. Secondo le dichiarazioni di Wrzosek e Domaradzki, non si sarebbero scambiati messaggi con questo contenuto pubblicato dalla Procura.

Autore/Insegnante:Roberto Zielinski

Fonte fotografica principale: TVN24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto