Onore a cinque illustri ricercatrici nel concorso International Women in Science Awards 2024

La Fondazione L’Oréal e l’UNESCO hanno annunciato le cinque vincitrici degli International Women in Science Awards 2024. Il loro significativo contributo alla risoluzione delle sfide globali in materia di salute pubblica è stato riconosciuto.

Ogni anno premi internazionali Premi internazionali L’Oréal-UNESCO Women in Science Viene assegnato a donne provenienti da ciascuna delle cinque regioni: Africa e paesi arabi; Asia Pacifico; Europa; America Latina e Caraibi; E il Nord America.

I vincitori della 26a edizione sono stati selezionati tra 350 candidati provenienti da tutto il mondo da una giuria internazionale indipendente.

“Eccellendo nel loro lavoro, i vincitori dimostrano che la scienza ha bisogno delle donne più che mai, soprattutto nel contesto di affrontare le principali sfide della salute pubblica. Ad esempio, il numero di casi di cancro potrebbe aumentare del 77% entro il 2050, mentre l’obesità attualmente colpisce In una persona su otto nel mondo, il numero dei casi di malaria supera ancora i 249 milioni. “Questi dati allarmanti sottolineano l’urgente necessità di un’azione efficace in materia di sanità pubblica”, ha affermato in un comunicato stampa inviato ai media.

I vincitori del Premio Internazionale Donne nella Scienza L’Oréal-UNESCO 2024 sono:

La professoressa Rose Lakeimmunologo del Camerun – per i suoi eccezionali risultati e le iniziative volte a migliorare l’efficacia del trattamento della malaria nelle donne incinte, a sradicare la poliomielite e a migliorare il programma di vaccinazione in Africa;

La professoressa Alicia Kowaltowski, biochimica brasiliana – per il suo contributo fondamentale alla ricerca sulla biologia dei mitocondri, che sono “la principale fonte di energia cellulare e funzionano come batterie specifiche”. Il suo lavoro è stato fondamentale per comprendere l’impatto del metabolismo energetico sulle malattie croniche come l’obesità e il diabete, nonché sul processo di invecchiamento;

READ  In Polonia potrebbero già essere presenti zecche pericolose. Appello degli studiosi

Professore Niente JabadoGenetista canadese – per aver scoperto i difetti genetici responsabili dei tumori cerebrali aggressivi nei bambini. La sua scoperta pionieristica delle prime mutazioni istoniche, chiamate oncoistones, ha rivoluzionato la ricerca sul cancro. Attraverso la sua ricerca innovativa e la gestione efficace di una rete di ricerca globale, la Dott.ssa Jabado ha trasformato l’approccio della medicina al trattamento del cancro infantile, sviluppando meccanismi diagnostici e metodi di trattamento clinico per i pazienti giovani;

Il professor Ning Yan, un biologo strutturale cinese, è stato onorato per aver scoperto la struttura atomica di diverse proteine ​​di membrana che mediano il flusso di ioni e zuccheri attraverso la membrana cellulare. Grazie a questo ho imparato quali meccanismi governano il trasporto tra le membrane. La sua ricerca ha contribuito all’individuazione di numerosi disturbi, come l’epilessia e l’aritmia, e ha portato anche a migliorare il trattamento della sindrome del dolore.

La professoressa Genevieve Al-Mouzani, biologa molecolare francese, premiata per il suo contributo alla spiegazione di come il DNA si lega alle proteine ​​all’interno del nucleo cellulare. Il suo lavoro pionieristico nel campo dell’epigenetica ha fatto progredire la comprensione di come l’identità cellulare viene definita durante il normale sviluppo e di come viene interrotta dal cancro.

Secondo i dati dell’UNESCO, le donne rappresentano ancora solo un terzo degli scienziati nel mondo (33%). Affrontano costantemente ostacoli che impediscono loro di raggiungere i livelli più alti della loro carriera. In Europa, solo un quarto delle posizioni dirigenziali nel settore scientifico sono ricoperte da donne.

Urszula Kaczorowska

Regno Unito/bar/

La Fondazione PAP consente la ristampa gratuita degli articoli dal sito web Nauka w Polsce, a condizione che ci informiate via e-mail una volta al mese sull’utilizzo del sito web e forniate la fonte dell’articolo. Sui portali e sui siti web si prega di includere il seguente link: Fonte: Naukawpolsce.pl, e nelle riviste, spiegazioni: Fonte: Nauka w Polsce – Naukawpolsce.pl. Il permesso di cui sopra non si applica a: informazioni della categoria “Mondo” ed eventuali fotografie e materiale video.

READ  Legge sull'assistenza ai cittadini ucraini e la creazione del Consiglio per l'istruzione dei rifugiati - Conferenza stampa con la partecipazione dell'amministrazione del Ministero dell'istruzione e della scienza - Ministero dell'istruzione e della scienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto