Non vale la pena piantare alberi ovunque

Gli alberi assorbono efficacemente l’anidride carbonica e il rimboschimento delle aree naturalmente degradate è un compito cruciale nella lotta al riscaldamento globale. Tuttavia, come spiegano i ricercatori, piantare alberi in luoghi inappropriati può danneggiare la situazione climatica. Più alberi significano che il terreno diventa più scuro, quindi meno luce solare verrà riflessa e più sarà assorbita dal pianeta. Nelle zone molto luminose, ad esempio quelle costantemente coperte di neve, ciò significa che l’effetto positivo del rimboschimento non compenserà la quantità di energia solare intrappolata forzatamente sul nostro pianeta. Una pubblicazione su questo argomento è stata pubblicata sulla rivista “Nature Communications”.

Il concetto principale che aiuta a spiegare questo fenomeno è l'albedo (dal latino “albedo”), che è un parametro che determina la quantità di radiazione che cade sulla superficie di una determinata area e da essa viene riflessa. I raggi riflessi non riscaldano la superficie, ma ritornano nello spazio, cosa importante per il riscaldamento del pianeta. In generale, gli spazi luminosi riflettono la luce meglio degli spazi bui. Pertanto, la superficie che riflette meglio la luce, ovvero la superficie con l’albedo più alto, è la neve fresca e bianca, che restituisce fino al 90% della luce solare. Questo è il motivo per cui il restringimento dei ghiacciai ai poli è così pericoloso per il clima. Gli architetti urbani che progettano tetti bianchi per gli edifici seguono lo stesso percorso.

Ma torniamo agli alberi.

Il fatto che il rimboschimento modifichi l’albedo di un territorio è chiaro agli scienziati da molto tempo. Una foresta diversificata si trova esattamente sul lato opposto della scala dell'albedo rispetto a un ghiacciaio: assorbe quasi tutti i raggi del sole e utilizza la sua energia per mantenere e sviluppare un ricco ecosistema. Ciò che non è chiaro e difficile da calcolare è come rispondere a questa complessa situazione: in che misura gli effetti benefici del rimboschimento compenseranno il maggiore assorbimento di energia solare.

READ  Visita della Ministra Maria Mrovczynska all'Accademia Nazionale delle Scienze Applicate di Krosno

Per determinarlo, i ricercatori della Clark University di Worcester e di The Nature Conservancy hanno utilizzato mappe innovative che tengono conto del fattore albedo. Le loro analisi hanno dimostrato che nei progetti che non tenevano conto di questo fattore, i benefici del rimboschimento potrebbero essere stati sovrastimati dal 20 all’80%.

Le stesse mappe possono essere utilizzate anche per una migliore pianificazione. Riconoscendo che le risorse di rimboschimento sono generalmente limitate, questo nuovo approccio può identificare in modo efficiente dove il rimboschimento porterà i maggiori benefici. La tendenza generale evidenziata dai ricercatori è che gli ambienti tropicali come il Congo e l’Amazzonia sono ideali per la riforestazione, perché c’è anche molta anidride carbonica da assorbire, e il terreno ha già un basso albedo. Nei prati e nelle savane dei climi temperati è vero il contrario, e qui il rapporto è esattamente opposto.

Gli autori della pubblicazione sottolineano che il movimento per il rimboschimento è ovviamente cruciale per la situazione climatica sulla Terra e che non intendono presentarsi come critici. Tuttavia, tenendo conto delle risorse limitate sia delle comunità locali che delle organizzazioni internazionali che affrontano questa sfida, vale la pena affrontarla con attenzione e utilizzare gli strumenti appropriati.

Padania: Natalia Hassler et al., Calcolo del cambiamento dell'albedo per determinare il recupero della copertura arborea positiva per il clima, Nature Communications (2024). ID digitale: 10.1038/s41467-024-46577-1

Preparato sulla base dell'articolo Studio: Piantare alberi nei posti sbagliati porta al riscaldamento globale Pubblicato su Phys.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto