Mille anni fa a Samoa ci fu una lotta per le risorse

La diminuzione delle risorse a Samoa e in altre isole della Polinesia ha creato disuguaglianze sociali. Ciò è dimostrato dagli ultimi ritrovamenti archeologici: un rapporto degli scienziati sulla rivista “PLOS ONE”.

Nella valle Valefa, densamente boscosa, sull’isola Upolu, nell’arcipelago delle Samoa, gli archeologi hanno scoperto un lungo muro, oltre ad alti tumuli, canali di irrigazione e altre strutture. I reperti risalgono al 600-900 d.C

Secondo i ricercatori, questa è la prova della diminuzione delle risorse e dell’eccessiva crescita della popolazione. In questo modo, un gruppo di residenti ha tentato di isolarsi da un altro gruppo, impedendogli di utilizzare la terra e altri beni.

La ricerca (https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0304850) è stata condotta sotto la supervisione di A. Ethan Cochrane dell’Università di Auckland (Australia). Secondo gli studiosi il muro testimonia l’inizio della divisione delle terre e la conseguente differenza di status sociale.

Il lavoro sul campo si è basato sulla tecnologia LIDAR, che consente la creazione di mappe topografiche dell’area utilizzando i laser. Le misurazioni laser effettuate da un aereo sono particolarmente utili in situazioni in cui l’area è densamente ricoperta da alberi e le immagini convenzionali non sono molto utili.

Questa tecnologia è stata utilizzata per circa 20 anni nella regione del Pacifico, ma è stata utilizzata raramente a Samoa.

Cochrane aggiunge che le strutture portate alla luce sono interessanti opere di architettura. Alcune erano case familiari fatte di pietra e terra, simili a quelle che si vedono ancora oggi in alcuni villaggi samoani. Altri erano pubblici o cerimoniali.

Strutture simili erano già state scoperte a Samoa, ma questa è la prima volta che i tempi e le ragioni della loro costruzione sono stati collegati.

READ  Conferenza “Costruire ponti per le generazioni future” a Dresda con la partecipazione della Vice Ministra Maria Mrovczynska - Ministero della Scienza e dell'Istruzione Superiore

“Abbiamo scoperto che tutta questa costruzione – chilometri di muri in pietra, accesso alla terra, canali di irrigazione – è una risposta alla massiccia crescita della popolazione di Samoa. Sappiamo che stava accadendo nello stesso periodo”, spiega Cochrane.

Condividere le risorse con tutti significherà meno per tutti. Le mura più antiche si trovano in prossimità delle zone più fertili delle regioni occidentali e settentrionali della valle.

Come aggiunge il ricercatore, nel corso di migliaia di anni sono emerse società gerarchiche in tutto il pianeta, mentre circa 20.000 anni fa la maggior parte delle società umane praticava un’equa distribuzione dei beni. Le scoperte fatte a Samoa ci aiutano a capire come emergono le gerarchie e la distribuzione ineguale della ricchezza nelle società.

«« | “ |


1

| » | »»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto