Meloni in missione in Tunisia. Partenariato per la migrazione – EURACTIV.pl

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni, in missione diplomatica ieri a Tunisi, ha rafforzato la cooperazione con il presidente locale Kaisa Suajid sulla gestione efficace dell'immigrazione.

– La cooperazione con la Tunisia è una priorità assoluta per l'Italia sotto molti aspetti e (…) fa parte del piano di Matteo per stabilire una cooperazione su base paritaria con i paesi africani, ha detto il Primo Ministro, da cui tutti trarranno beneficio. Georgia Meloney Lo ha detto nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Tunisi dopo l'incontro con il presidente tunisino Sono Suajjit.

Il progetto di Matti prende il nome dal fondatore della compagnia petrolifera statale ENI Enrico MaticoLa Meloni è un progetto del governo, da 5,5 miliardi di euro.

Il suo obiettivo è sostenere lo sviluppo economico dei paesi africani e, tra le altre cose, ridurre l’immigrazione clandestina verso l’Europa. Si prevede inoltre un aumento del ruolo dell'Italia nel trasporto del gas naturale dall'Africa all'Europa. La Tunisia è uno dei paesi più importanti in questo progetto.

Nel corso della visita, la Meloni ha sottolineato l'importanza della cooperazione con la Tunisia per prevenire l'immigrazione incontrollata verso l'Europa. Ha sostenuto un maggiore coinvolgimento delle organizzazioni internazionali in questo settore e si è concentrato non solo sui rimpatri ma anche sui flussi migratori regolari.

– Credo che l'Italia possa fare molto di più riguardo all'immigrazione legale. Tuttavia, è fondamentale lavorare insieme per continuare la lotta contro i trafficanti di schiavi del terzo millennio, cioè contro le organizzazioni mafiose che sfruttano le legittime aspirazioni delle persone in cerca di una vita migliore, ha affermato il capo del governo italiano.

READ  Un incidente durante la celebrazione dell'anniversario del disastro di Smolensk. Marek Susky è intervenuto

La Meloni ha firmato contratti con le autorità tunisine per un totale di 100 milioni di euro. Gli accordi riguardano tre ambiti: il sostegno finanziario diretto all'efficienza energetica della Tunisia, una linea di credito per le PMI tunisine e un memorandum d'intesa tra i ministeri dell'Istruzione superiore e della ricerca dei due paesi.

L’Italia è determinata a sostenere la Tunisia, che considera un Paese chiave per la stabilità delle regioni del Mediterraneo e del Nord Africa. La visita della Meloni a Tunisi è il quarto incontro ufficiale tra funzionari italiani e tunisini quest'anno.

A causa della crescente immigrazione dalla Tunisia, la cooperazione tra Italia e Tunisia è importante dal punto di vista dell’intera Unione Europea.

Secondo gli analisti, il motivo principale dell'interesse europeo per la Tunisia intensificazione Immigrazione illegale da questo Paese verso l'Italia dallo scorso autunno. Nel 2023 più della metà dei migranti che arriveranno sulle coste italiane proverranno dalla Tunisia. Ciò ha leggermente cambiato la tendenza attuale. Finora la Libia era considerata un Paese al centro del Mar Mediterraneo, da dove proviene la maggior parte dei migranti.

Il 16 luglio dello scorso anno l’Unione Europea ha firmato un accordo con la Tunisia Memorandum Tra gli altri, il problema dell'afflusso di immigrati clandestini. Un accordo simile è stato recentemente firmato con Egitto.

Tuttavia, questi accordi sono criticati dalle organizzazioni non governative. Portavoce della sezione italiana di Amnesty International Ricardo Nuri Gli accordi con i paesi di origine volti a limitare l’immigrazione in Europa in realtà facilitano le violazioni dei diritti umani.

– Ciò vale soprattutto per l'accordo con la Tunisia, perché premia il presidente Suajjita, la cui retorica razzista e xenofoba è diventata un fattore che ha spinto le persone a lasciare il paese. Questi accordi non fermano la migrazione, ma la rendono più pericolosa, ha affermato.

READ  40 La migliore Mensola per vasca da bagno del 2022 - Non acquistare una Mensola per vasca da bagno finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto