- Advertisement -spot_img
HomeEconomyLe scorte sono crollate tra l'invasione russa e l'escalation delle sanzioni

Le scorte sono crollate tra l’invasione russa e l’escalation delle sanzioni

- Advertisement -spot_img

Le azioni statunitensi sono state scambiate in modo misto e i prezzi dell’energia sono aumentati lunedì dopo l’escalation delle sanzioni contro la Russia nel mezzo di un conflitto in corso in Ucraina, aggiungendo ulteriore incertezza sulle prospettive per i mercati finanziari globali.

L’S&P 500 e il Dow sono entrambi diminuiti, mentre l’S&P 500 è sceso. Il Nasdaq è diventato positivo dopo aver aperto in ribasso. Prezzi intermedi del greggio nel Texas occidentaleCL = F.) fino a $ 99,10 al barile prima di ridurre alcuni dei guadagni. Greggio Brent (BZ = F.), il benchmark internazionale, a un massimo di sette anni di oltre $ 104 al barile. I prezzi dell’oro sono aumentati mentre i rendimenti dei Treasury sono scesi mentre gli investitori si sono accumulati in beni rifugio.

Le mosse di mercato di lunedì sono arrivate dopo un tumultuoso fine settimana di combattimenti in Ucraina mentre la Russia continuava i suoi attacchi. Una nuova serie di sanzioni ha criticato la Russia mentre le principali nazioni occidentali hanno risposto all’invasione. E la notizia Il presidente russo Vladimir Putin ha messo in allerta le forze di deterrenza nucleare del Paese Aggiunto alla tensione nei mercati finanziari globali.

Stati Uniti, Commissione Europea, Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Canada Sabato ha rilasciato una dichiarazione di approvazione congiunta Escludere alcune delle principali banche russe dal sistema di messaggistica SWIFT, che aiuta a facilitare le transazioni per trilioni di dollari a livello globale. Gli Stati Uniti hanno anche affermato lunedì che vietano agli americani di trattare con la Banca centrale della Federazione Russa, Il National Wealth Fund delle Federazioni Russe e il Ministero delle Finanze della Federazione Russa.

Il divieto delle banche Swift “renderà più difficile (anche se non impossibile) per queste istituzioni effettuare pagamenti transfrontalieri”, ha scritto in una nota Neil Schering, capo economista di Capital Economics. “Finora almeno l’Occidente non è arrivato al punto di imporre un divieto alle importazioni di energia dalla Russia, che sarebbero le sanzioni più forti che potrebbero applicare”.

READ  Il 4% è il "numero magico" per i tassi ipotecari che perforano il mercato immobiliare (e le azioni)?
READ  Una nuova analisi rileva che il tasso di inflazione raggiungerà il 10% se il conflitto tra Russia e Ucraina dovesse peggiorare

“Allo stesso tempo, Stati Uniti, Unione Europea, Regno Unito e Canada hanno annunciato sanzioni contro la Banca centrale russa”, ha aggiunto Schering. “Forse questo è un passo ancora più importante perché ridurrà significativamente la capacità della CBR di liquidare le proprie attività estere per sostenere il rublo e aiutare le società russe a soddisfare le passività denominate in valute estere. Circa il 40% delle riserve internazionali della Russia è detenuto in i sistemi finanziari dei paesi che hanno firmato queste sanzioni”.

Le ultime sanzioni imposte dall’Occidente si aggiungono a una serie di sanzioni imposte la scorsa settimana alle principali istituzioni finanziarie russe, al debito sovrano e ai principali funzionari. Il rublo ha aperto circa il 30% in meno rispetto al dollaro nel commercio offshore e la banca centrale russa ha più che raddoppiato il suo tasso di interesse di riferimento al massimo da due decenni del 20% nel tentativo di contrastare il deprezzamento della valuta.

“Sebbene i fondamentali di mercato negli Stati Uniti si siano leggermente deteriorati, è improbabile che le preoccupazioni legate al sentiment cambino a breve. Dal punto di vista del mercato, è probabile che le sanzioni contro la Russia abbiano l’impatto maggiore sui mercati valutari, inclusi rublo, euro ed euro- dollaro, David Bansen, chief investment officer del gruppo Bahnsen, ha scritto in una e-mail lunedì mattina.

Gli investitori stanno ancora osservando da vicino ulteriori ripercussioni sui mercati finanziari e sulle società globali. Case automobilistiche tra cui Volkswagen, Renault e il produttore di pneumatici finlandese Nokian Tyres Alla fine della scorsa settimana, stavano interrompendo o modificando la produzione a causa di interruzioni e carenze nella catena di approvvigionamento Esacerbato dall’invasione russa dell’Ucraina. Mentre le sanzioni si sono fermate prima di frenare le esportazioni di energia dalla Russia, il terzo produttore mondiale di petrolio, i commercianti sono rimasti in allerta per qualsiasi impatto diretto o indiretto del conflitto geopolitico sui già rigidi mercati energetici globali.

READ  Rosga - Ucraina. McDonald's, Starbucks, KFC e Pizza Hut czasowo zamykają interesse con Rosji

“Riteniamo ancora che l’impatto complessivo sulle catene di approvvigionamento globali sarà relativamente ridotto, ma l’espulsione di alcune banche russe dal sistema SWIFT significa che è probabile che il commercio non energetico tra Russia ed Europa diminuisca”, ha affermato Schering di Capital Economics. “Gli attacchi alle infrastrutture che trasportano il gas nell’Europa occidentale potrebbero aumentare ulteriormente i prezzi e aumentare la pressione inflazionistica. Ulteriori sanzioni potrebbero portare a ritorsioni dalla Russia, che potrebbero tagliare le importazioni di energia nell’Europa occidentale”.

READ  L'influenza di Russia e Ucraina sulle filiere: alimentari, minerali e commodities

10:11 ET: il divario commerciale delle merci negli Stati Uniti sbadiglia ai massimi storici quando le importazioni hanno raggiunto un record

Il disavanzo commerciale delle merci negli Stati Uniti è salito a un livello record a gennaio dopo che il valore delle importazioni è balzato ulteriormente mentre le aziende cercavano di soddisfare la crescente domanda dei consumatori.

Il deficit commerciale ha raggiunto i 107,6 miliardi di dollari all’inizio del 2022, Lo ha detto lunedì il Dipartimento del Commercio. Secondo i dati di Bloomberg, è stato più grande di quanto previsto dagli economisti di $ 99,5 miliardi e ha aumentato il deficit commerciale di $ 100,5 miliardi da dicembre.

Le importazioni sono aumentate di $ 4,4 miliardi a gennaio rispetto a dicembre a $ 262,5 miliardi, anche questo un record. Nel frattempo, le esportazioni sono diminuite di $ 2,8 miliardi, scendendo a $ 154,8 miliardi a gennaio.

Quasi tutte le categorie merceologiche hanno registrato nel mese un aumento delle importazioni. Su base percentuale, Food, Feed and Beverage ha registrato il balzo maggiore all’8,6%, aumentando di valore a 17 miliardi di dollari. Le forniture industriali e le importazioni di beni capitali sono aumentate di circa il 2%, a quasi $ 62 miliardi e $ 69 miliardi, rispettivamente.

READ  Grozi nam paraliż inwestycji. Wykonawcy będą schodzić z budowy

Il calo del 12,5% delle esportazioni di beni di consumo ha contribuito in modo significativo alla contrazione complessiva delle esportazioni di gennaio. Anche le esportazioni o i veicoli automobilistici e le forniture industriali sono diminuite.

9:31 ET: le azioni aprono al ribasso

Ecco dove sono stati scambiati i mercati dopo la campanella di apertura di lunedì mattina:

7:55 ET lunedì: i futures azionari precipitano con l’invasione russa, le sanzioni aumentano

Ecco le principali mosse dei mercati di lunedì mattina:

  • Contratti future S&P 500 (ES = F.): -45 punti (-1,03%) a 4.335,00

  • Contratti futures DowYM = F.): -304 punti (-0,89%) a 33.690,00

  • Contratti future NasdaqQN = F.): -136,25 punti (-0,96%) a 14.044,25

  • crudo (CL = F.): +4,14 dollari (+4,52%) a 95,73 dollari al barile

  • oro (GC = F.): + $ 23,20 (+1,23%) a $ 1.910,80 per oncia

READ  BTC combatte $ 40.000, ETH scende sotto $ 2,8.000
Foto: NDZ/STAR MAX/IPx 2022 17/02/22 Atmosfera alla Borsa di New York a New York City.

Foto: NDZ/STAR MAX/IPx 2022 17/02/22 Atmosfera alla Borsa di New York a New York City.

Emily McCormick è una giornalista di Yahoo Finance. Seguila su Twitter

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finance

Segui Yahoo Finanza su TwitterE il InstagramE il YoutubeE il FacebookE il FlipboardE il LinkedIn

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Stay Connected
16,985FansLike
2,458FollowersFollow
61,453SubscribersSubscribe
Must Read
- Advertisement -spot_img
Related News
- Advertisement -spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here