L’Allocco di Kampinos ha avuto il suo più grande successo riproduttivo negli ultimi 18 anni

I naturalisti del Parco Nazionale di Kampinos monitorano la riproduzione degli allocchi da quasi 20 anni, esaminando 1.000 ettari dell’area del parco.

Secondo loro, quest’anno è stato prelevato il 62%. Luoghi di nidificazione degli allocchi e in ognuno di essi c’erano prole di uccelli: molto spesso tre, meno spesso quattro pulcini.

“Questo grande successo riproduttivo dimostra che abbiamo a che fare con il cosiddetto anno del topo, cioè la stagione in cui compaiono molti roditori (compresi topi, arvicole e arvicole) – la loro voce di menu principale. Non c’è da stupirsi che siano presenti i roditori buona forma dopo anno”, commentano i naturalisti: “Il prossimo inverno non sarà molto freddo”.

Hanno concluso che questo è “l’anno migliore in termini di successo riproduttivo dell’allocco nel Parco nazionale di Kampinos negli ultimi 18 anni”.

allocco (Strix Aloko) È ampiamente distribuito in Europa, Asia e Nord Africa. È il gufo più comune nel Parco Nazionale di Kampinos. È disponibile in due tipi di colori: marrone e grigio. “Accade spesso che gli individui di una coppia abbiano morph di colore diverso e la covata possa contenere sia pulcini grigi che marroni. Entrambi i morph sono abbastanza mimetizzati nell’ambiente forestale. I loro occhi sono grandi e scuri, il che consente un’eccellente visione in condizioni di scarsa illuminazione. ” – conferma KPN.

Gli allocchi sono principalmente uccelli notturni, anche se a volte possono essere visti durante il giorno, ad esempio quando c’è stata una forte pioggia la notte prima o quando hanno difficoltà a nutrire i loro pulcini per tutta la notte. “Sebbene gli allocchi abbiano una vista eccellente, il loro udito è ancora più impressionante. Possono sentire il minimo rumore e individuare la loro posizione con precisione centimetrica nella completa oscurità, rendendoli cacciatori molto efficaci. Gli allocchi sono opportunisti, nel senso che usano il cibo che c’è disponibile al momento.” Sicuramente è il più accessibile al momento”, si legge nella nota.

READ  I segni del cancro possono essere rilevati fino a 20 anni prima della comparsa dei sintomi

La dieta principale dell’allocco è costituita da piccoli mammiferi come topi e arvicole, nonché da uccelli, anfibi, insetti e altri piccoli animali. “Dall’analisi dei pellet (detriti di resti di cibo non digerito), si sa che durante questa stagione riproduttiva si nutrono pesantemente anche di galli cedroni, che quest’anno hanno avuto una comparsa significativa nella foresta di Kampinos”, scrivono i naturalisti del KPN.

Gli allocchi spesso nidificano nelle cavità degli alberi o nelle cassette nido di tipo E (grandi cassette in cui la parete anteriore può essere alta fino a 50 cm e il foro d’ingresso può avere un diametro di 15 cm, ad esempio). Succede anche che occupino vecchi nidi di altri rapaci o addirittura nidificano negli edifici.

La stagione riproduttiva per questi uccelli inizia alla fine dell’inverno. La femmina depone solitamente da 3 a 5 uova, che incuba per 28-30 giorni. I piccoli restano nel nido per circa un mese, poi i genitori li nutrono per qualche tempo prima che diventino completamente indipendenti.

“L’allocco, con il suo carattere calmo e la capacità di adattarsi ai diversi ambienti, è una componente indispensabile degli ecosistemi forestali, ma è anche un gufo che può apparire nei parchi cittadini e riprodursi negli edifici. L’osservazione di questi uccelli insoliti può fornire molte informazioni indicibili esperienze.” Dimentica” – hanno descritto i naturalisti di KPN.(PAP)

La scienza in Polonia

Data di pubblicazione: 32/05/2024 / Forum: pixabay.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto