In Antartide potrebbero esserci più microplastiche di quanto si pensasse in precedenza

Utilizzando metodi precisi, gli scienziati hanno scoperto più microplastiche nel Mare di Weddell di quanto fosse possibile in precedenza utilizzando metodi più semplici. È probabile che l'inquinamento aumenti, hanno espresso preoccupazione.

Gli esperti dell’Università di Basilea portano notizie inquietanti dall’Antartide. Questo team aveva precedentemente esaminato l’ambiente di questa regione per la presenza di microplastiche, che si trovano sempre più in tutto il mondo. Si tratta di particelle di plastica microscopiche create dalla decomposizione di vari rifiuti. Si sa ancora poco sui suoi effetti sull'ambiente e sull'uomo, ma, come è già stato dimostrato, può penetrare negli organismi viventi, compreso l'uomo.

In precedenza, con l'aiuto di speciali maglie fini, i ricercatori svizzeri avevano esaminato la presenza di particelle di 300 micrometri o più grandi. Ora hanno utilizzato un metodo più preciso basato sulla filtrazione avanzata in grado di rilevare particelle di dimensioni comprese tra 11 e 500 micrometri.

Ciò ha completamente cambiato i risultati.

Come si è scoperto, più del 98% di tutte le particelle trovate avevano un diametro inferiore a 300 micrometri, il che significa che erano state omesse negli studi precedenti.

“L’Oceano Antartico è molto più inquinato rispetto alle analisi precedenti”, afferma Clara Listenschneider, autrice dello studio pubblicato sulla rivista. “ecologia olistica”.

Nel frattempo, i campioni prelevati da luoghi diversi differivano in termini di concentrazione di particelle di plastica: ad esempio, le acque più vicine alla costa ne avevano di più.

Per quanto riguarda il motivo delle differenze, gli scienziati ipotizzano che le particelle possano essere rilasciate dallo scioglimento del ghiaccio e che la loro concentrazione possa dipendere dalle correnti oceaniche. “Le correnti possono fungere da barriera, riducendo lo scambio di acqua tra nord e sud”, spiega Gunnar Gerdts, uno dei ricercatori coinvolti nel progetto.

READ  24Kurier.pl - NCBR recluta esperti

L'esistenza di particelle a profondità maggiori, dove le correnti operano in modo diverso rispetto alla superficie, rimane un mistero. Non è inoltre noto come le microplastiche entrino nel Mare di Weddell e se fuggano dalla regione antartica. I ricercatori ritengono che una forte corrente oceanica possa mantenere la plastica sul posto.

Anche la fonte della contaminazione è sconosciuta. Le particelle possono fuoriuscire dai pescherecci, dalle navi da crociera e persino dalle attività di ricerca. Può anche essere portato da parti lontane del mondo via acqua e aria.

Durante la spedizione, gli scienziati hanno anche raccolto campioni di sedimenti dal fondale e ora intendono analizzarli, anche per verificare la presenza di microplastiche. I ricercatori temono che lo sviluppo del turismo nella regione porterà ad un aumento dell’inquinamento. Nonostante ciò, rimangono ottimisti.

“Negli ultimi anni la ricerca sulle microplastiche ha aumentato notevolmente la consapevolezza della minaccia per l’ambiente e gli organismi viventi”, osserva Listschneider.

Sebbene i ricercatori ritengano che non esista una soluzione magica al problema, molti centri stanno lavorando per comprenderlo e sviluppare modi per ridurre l’inquinamento. Molto dipende anche dalle persone. “Chiunque si impegni in un comportamento rispettoso dell’ambiente può apportare un cambiamento positivo”, aggiunge l’esperto. (porta)

Marek Matacz

stuoia / lo farò /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto