Impara ad avere una bella conversazione – Rapduma.pl

Quindi ogni volta Stai parlando con qualcuno e poi senti che il tuo tempo sarebbe meglio speso parlando con un muro di mattoni, e sei sicuro di concordare con le osservazioni di Rebecca West. “Non esiste una conversazione”, ha scritto la scrittrice e critica letteraria nella sua raccolta di racconti, suono acuto. “È un’illusione. Ci sono monologhi incrociati, tutto qui.”

Se qualcuno sente che le sue conversazioni non lasciano alcuna impressione su chi lo circonda, questa è la definizione di isolamento esistenziale. Probabilmente l’hai sperimentato durante un brutto appuntamento, una brutta cena o durante una riunione di famiglia senza fine.

La ricerca psicologica ha identificato molte abitudini e pregiudizi che creano barriere tra noi e gli altri. Se vogliamo relazionarci meglio con le persone che ci circondano, dobbiamo imparare a superarle. La buona notizia è che le soluzioni sono molto facili da implementare. Piccoli cambiamenti nel nostro stile di conversazione possono avere grandi vantaggi.

Cominciamo dai peccati di omissione. Il saggista del XIX secolo William Hazlitt disse nel suo libro: “L’arte della conversazione è l’arte di sentire e ascoltare gli altri”. Sulla conversazione con gli autoriPubblicato nel 1820. “Alcuni dei migliori oratori sono sotto questo aspetto la peggiore compagnia.”

Hazlitt osservò che molti dei suoi amici letterati – tra cui Samuel Taylor Coleridge, Stendhal e William Wordsworth – erano così ansiosi di mostrare il loro spirito e la loro intelligenza che mancavano loro della cortesia di base necessaria per ascoltare gli altri. Consigliava invece di imitare il pittore James Northcott, che affermava essere il miglior ascoltatore e quindi il miglior comunicatore che conoscesse. “Non ho mai mangiato né bevuto con il signor Northcote; “Ma per quanto posso ricordare, ho vissuto la sua conversazione con immutato piacere”, ha scritto Hazlitt. Chi non vorrebbe lasciare i propri amici di questo umore?

READ  Da dove viene il piast? Risultati di ricerca sorprendenti

Il modo più semplice per farlo è porre più domande, ma sorprendentemente poche persone riescono a sviluppare questa abitudine. Mentre perseguiva il dottorato in comportamento organizzativo presso l’Università di Harvard, Karen Huang Sono stati invitati più di 130 partecipanti al suo laboratorio e ha chiesto loro di parlare uno a uno per quindici minuti tramite messaggistica istantanea. Ha scoperto che anche durante quei 15 minuti, la percentuale di persone che facevano domande variava notevolmente, da circa quattro o meno nella fascia bassa a nove o più nella fascia alta.

Fare più domande può avere un grande impatto sulla simpatia di qualcuno. In Esperienza separataIl team di Huang ha analizzato le registrazioni delle conversazioni delle persone durante gli speed dating. Alcune persone hanno posto costantemente più domande di altre, il che ha previsto in modo significativo le loro possibilità di ottenere un secondo appuntamento.

È facile capire perché le domande sono così gentili: mostrano il desiderio di costruire una comprensione reciproca e danno la possibilità di esaminare le reciproche esperienze. Ma anche se facciamo molte domande, potremmo non porre il giusto tipo di domande. Nelle sue analisi, Huang ha esaminato sei diverse categorie di domande. Puoi vedere gli esempi qui sotto:

1. Introduzione
Ciao!
Ciao, come stai?

2. Continuazione
Sto programmando un viaggio in Canada.
Sorprendente. Sei stato là prima?

3. Cambio completo
Lavoro nel lavaggio a secco.
Cosa ti piace fare per divertirti?

4. Microinterruttore
Non sono una persona che ama la vita all’aria aperta, ma non mi dispiace fare una lunga passeggiata o qualcosa del genere di tanto in tanto.
Sei stato spesso alla spiaggia di Boston?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto