Il primo fegato di maiale trapiantato in un essere umano è sopravvissuto per 10 giorni

I chirurghi dell'ospedale Shijing di Xi'an, in Cina, hanno eseguito il primo trapianto di fegato non umano in un essere umano e sono stati in grado di conservarlo per 10 giorni, ha riferito Nature.

Un uomo di 50 anni in stato di morte clinica è stata la prima persona a ricevere un fegato da un maiale. Con l'approvazione della famiglia, gli scienziati cinesi hanno attaccato per 10 giorni un organo prelevato da un maialino geneticamente modificato ai vasi sanguigni del paziente.

Il 10 marzo, un team dell’ospedale di Shijing, composto da Du Qifeng, Tao Kaishan e Wang Lin, ha trapiantato un fegato di maiale da 700 grammi in un ricevente con deterioramento cognitivo. L'operazione è durata circa nove ore. Il ricevente ha ricevuto farmaci immunosoppressori giornalieri e il suo fegato primario è stato lasciato in sede.

Il fegato proveniva da un maiale nano (Sus scrofadomestica), allevato dalla Clonorgan Biotechnology a Chengdu, in Cina. Sei modifiche genetiche hanno disattivato tre geni proteici presenti sulla superficie delle cellule di maiale e tre geni proteici umani sono stati introdotti per impedire al donatore di rigetto dell'organo.

Il maiale è stato allevato in una struttura specializzata esente da agenti patogeni ed è risultato negativo a diversi agenti patogeni, tra cui Streptococcus suis, ceppo Mycoplasma pneumoniae di tipo 2 e citomegalovirus suino.

“(L'innesto) è stato rimosso chirurgicamente oggi”, ha detto Du Qifeng, uno dei chirurghi che hanno condotto il trapianto presso l'ospedale di Shijing affiliato all'Air Force Medical University di Xi'an, citato dal sito web Nature. – “Il nostro studio sul colore e la consistenza del fegato di maiale è appena stato completato [przeszczepu] Generalmente normale.”

READ  Un buco nero in orbita accanto ad esso - "completamente inaspettato"

I chirurghi di Shijing hanno riferito che il fegato del maiale secerneva più di 30 millilitri di bile al giorno, il che significava che funzionava correttamente. Ogni giorno sono stati raccolti anche campioni di sangue e biopsie degli innesti per valutare specificamente la risposta immunitaria, il rischio di infezione e la funzionalità epatica.

L'intervento è stato approvato dalla famiglia del ricevente e da diversi comitati universitari. L'intera procedura consisteva nel verificare se un giorno gli organi di maiali geneticamente modificati potessero essere utilizzati per i trapianti. Nella sola Cina, centinaia di migliaia di persone soffrono di insufficienza epatica ogni anno, ma nel 2022 solo circa 6.000 persone hanno ricevuto un trapianto di fegato. Negli ultimi anni, i chirurghi negli Stati Uniti hanno trapiantato cuori di maiale in due esseri umani viventi e hanno anche trapiantato cuori e reni in diverse persone che si presume fossero morte per mancanza di funzionalità cerebrale. (Il 21 marzo, i media hanno riferito che il primo paziente aveva subito un trapianto di rene da un maiale geneticamente modificato.)

Come sottolineano gli esperti, gli organi di maiale potrebbero fornire una disintossicazione temporanea per le persone il cui fegato ha bisogno di tempo per rigenerarsi o che sono in attesa di donatori umani.

Gli specialisti nel trapianto di organi animali negli esseri umani (trapianto) desiderano conoscere maggiori dettagli sulla sicurezza e sui vantaggi funzionali della procedura per imparare da questo lavoro. Ciò che è importante è se questi trapianti di organi riescano a mantenere in vita il paziente almeno per qualche giorno.

Luohan Yang, amministratore delegato della Qihan Biotechnology di Hangzhou, in Cina, che sta sviluppando suini geneticamente modificati come fonte di organi, si aspetta più xenotrapianti nei prossimi anni per persone clinicamente morte, o per ragioni di uso compassionevole, per malati terminali in Cina. . Stati Uniti, Cina ed Europa.

READ  un test. Riesci a identificare tutti i re della Polonia? Il campione della storia otterrà il 100%.

Questo è il primo trapianto di fegato di maiale in un essere umano.

Ma a gennaio, un team guidato dal chirurgo dei trapianti Avraham Shaked dell’Università della Pennsylvania a Filadelfia ha collegato una persona clinicamente morta al fegato di un maiale geneticamente modificato che era stato collocato fuori dal suo corpo. Secondo gli specialisti cinesi, il trapianto di fegato all'interno del corpo fornisce più informazioni di tale connessione.

Come sottolineano gli specialisti, i soggetti clinicamente morti rappresentano un modello utile per valutare la fattibilità di eseguire trapianti di organi su persone vive, ma la loro utilità è limitata perché quando il cervello smette di funzionare si verificano cambiamenti ormonali. Non è ancora chiaro per quanto tempo una persona con disabilità cognitiva possa restare attaccata a un ventilatore e utilizzare un organo di maiale. Il caso documentato più lungo è durato due mesi e riguardava un trapianto di rene da un maiale.

A differenza del cuore, che pompa semplicemente il sangue, il fegato svolge molti compiti complessi, rendendo molto difficile il trapianto. Il fegato di maiale può avere una funzione disintossicante e di rimozione delle scorie, ma è dubbio che possa produrre un’ampia gamma di proteine ​​essenziali. Pertanto, lo xenotrapianto di fegato è visto principalmente come una soluzione a breve termine per le persone con insufficienza epatica. Possono consentire al fegato esistente di una persona di rigenerarsi, ad esempio dopo un danno causato dall'abuso di alcol o droghe, o risparmiare tempo in attesa di un donatore di fegato “mirato”.

Altro – nella pubblicazione originale https://doi.org/10.1038/d41586-024-00853-8) (PAP)

Paolo Wernicke

BMW / anno /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto