Il paracetamolo può aiutare i pazienti con sepsi

Il paracetamolo (paracetamolo), ampiamente utilizzato come analgesico e antipiretico, può anche prevenire la sindrome da distress respiratorio acuto e il danno d’organo nei pazienti con sepsi, secondo JAMA.

La sepsi è una reazione grave e incontrollata del corpo a un’infezione. Man mano che progredisce, i globuli rossi si danneggiano e muoiono a una velocità anormalmente rapida, rilasciando quella che viene chiamata “emoglobina libera da cellule”. Un corpo sovraccarico non può liberarsi dell’emoglobina in eccesso, che può causare danni agli organi.

I risultati di uno studio clinico supportato dal National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti suggeriscono che il paracetamolo somministrato per via endovenosa ha il maggiore beneficio nei pazienti più gravemente malati. Sotto l’influenza di questo farmaco, i pazienti affetti da sepsi riducono il rischio di danni agli organi o di sviluppare la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), una condizione grave che consente al liquido di entrare nei polmoni.

Come risultato del trattamento, i pazienti più gravemente malati avevano meno probabilità di richiedere ventilazione assistita e sperimentavano una piccola, sebbene statisticamente non significativa, riduzione della mortalità.

Il lavoro precedente di Loren Ware, MD, professore di medicina, pneumologia e terapia intensiva alla Vanderbilt University di Nashville, Tennessee, e primo autore dello studio attuale, ha dimostrato che il paracetamolo, oltre ad alleviare il dolore e ridurre la febbre, previene il danno cellulare effetti. Emoglobina libera nei polmoni, che sono più suscettibili ai danni durante la sepsi. Ciò è particolarmente evidente nei pazienti con sepsi grave e livelli più elevati di emoglobina libera, che sono stati associati a un aumento del rischio di sindrome da distress respiratorio acuto e a un rischio più elevato di morte.

READ  Gli scienziati dell'Università della Tecnologia di Varsavia sono coinvolti nel lavoro su una nuova batteria europea

I ricercatori osservano che identificare alti livelli di emoglobina libera come biomarcatore che potrebbe essere testato quando un paziente viene ricoverato per la prima volta in ospedale sarebbe un grande passo avanti perché potrebbe aiutare a identificare rapidamente i pazienti con sepsi che potrebbero trarre beneficio dal trattamento con paracetamolo.

“Uno dei problemi nelle unità di terapia intensiva è che la malattia progredisce così rapidamente che di solito non abbiamo abbastanza tempo per individuare i biomarcatori che aiutano a prevedere quale trattamento avrà i migliori risultati”, ha affermato il dottor Michael Mathai, professore di medicina e medicina interna. di anestesiologia presso l’Università della California, San Francisco e autore senior dello studio. “Ci auguriamo che questi risultati evidenzino il potenziale valore terapeutico dell’utilizzo dei biomarcatori per aiutare a trovare efficacemente trattamenti che funzionino quando i pazienti ne hanno più bisogno”.

Per testare completamente il potenziale terapeutico del paracetamolo in uno studio clinico in fase intermedia, i ricercatori hanno arruolato 447 adulti con sepsi e disfunzione respiratoria o cardiovascolare in 40 ospedali accademici negli Stati Uniti tra ottobre 2021 e aprile 2023. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a un gruppo che riceveva paracetamolo o placebo. Per via endovenosa ogni sei ore per cinque giorni. I ricercatori hanno poi seguito i pazienti per 28 giorni per vedere come stavano. Hanno inoltre eseguito un’analisi post hoc utilizzando solo i dati dei pazienti i cui livelli di emoglobina libera erano superiori a una certa soglia. L’interesse principale del team era quanti pazienti fossero in grado di sopravvivere senza il supporto di organi, come la ventilazione meccanica o il trattamento per l’insufficienza renale.

Il paracetamolo per via endovenosa ha dimostrato di essere sicuro per tutti i pazienti affetti da sepsi, senza differenze in termini di danno epatico, bassa pressione sanguigna o altri eventi avversi rispetto al gruppo placebo. Inoltre, hanno scoperto che il danno d’organo era significativamente più basso nel gruppo trattato con paracetamolo, così come l’incidenza della sindrome da distress respiratorio acuto entro sette giorni dal ricovero in ospedale.

READ  I ricercatori si stanno preparando a "visitare" l'asteroide Apophis

Ulteriori analisi su pazienti con un contenuto di emoglobina libera più elevato hanno mostrato che nel gruppo trattato con paracetamolo la percentuale era solo dell’8%. Pazienti che necessitano di ventilazione assistita rispetto al 23%. Pazienti del secondo gruppo.

Gli autori dello studio (doi: 10.1001/jama.2024.8772) intendono condurre uno studio clinico più ampio, che probabilmente includerà principalmente pazienti con un livello più elevato di emoglobina libera da cellule (PAP).

Paolo Wernicke

BMW / anno /

La Fondazione PAP consente la ristampa gratuita degli articoli dal sito web Nauka w Polsce, a condizione che ci informiate via e-mail una volta al mese sull’utilizzo del sito web e forniate la fonte dell’articolo. Sui portali e sui siti web si prega di includere il seguente link: Fonte: Naukawpolsce.pl, e nelle riviste, spiegazioni: Fonte: Nauka w Polsce – Naukawpolsce.pl. Il permesso di cui sopra non si applica a: informazioni della categoria “Mondo” ed eventuali fotografie e materiale video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto