I giornalisti chiedono aiuto alla Commissione europea – EURACTIV.pl

In una lettera alla vicepresidente della Commissione Europea Věra Jourová, il Movimento Europeo e altre organizzazioni europee hanno condannato il governo italiano “che ha messo a tacere l’opposizione e ha preso il controllo dei media pubblici”.

“La libertà dei media è sotto forte pressione in Italia. Governo Giorgio Meloni “domina sempre più l’emittente nazionale italiana RAI”, si legge in una lettera al vicepresidente dell’Unione Europea (IME). Molto JourovaIn esso chiede alla Commissione Europea di indagare sulla libertà di stampa in Italia.

La lettera, firmata da EMI, Unione Italiana Giornalisti (FNSI), Federazione Europea Giornalisti (EFJ) e Federazione Internazionale Giornalisti (IFJ), evidenzia una tendenza inquietante. Il governo di Giorgia Meloni è stato accusato di esercitare un’influenza eccessiva sulla redazione della Rai licenziando dirigenti e conduttori televisivi e censurando programmi critici nei confronti del governo.

Secondo quanto riferito, giornalisti e organi di informazione subiscono continui attacchi da parte di funzionari governativi che reprimono il dissenso e minano la libertà dei media.

“Le organizzazioni hanno invitato la Commissione a indagare sui tentativi di questo governo di bloccare i media e l’informazione pubblica, in linea con gli standard dell’European Media Freedom Act e i valori fondamentali dell’Unione europea sanciti dall’articolo 2 del Trattato sulla Unione Europea (TUE).

Ciò avviene una settimana dopo che Media Freedom Rapid Response (MFRR) ha effettuato una missione di emergenza a Roma per valutare la libertà di stampa in vista delle elezioni europee.

“Lo stato della libertà dei media in Italia solleva serie preoccupazioni. “La tendenza all’ingerenza politica e al contenzioso strategico mina i principi democratici e minaccia la libertà fondamentale e il pluralismo di una stampa indipendente”, afferma il rapporto.

READ  Le indagini sulla morte di due sacerdoti a Sosnowiec sono state interrotte

Nel corso della visita a Roma, la delegazione MFRR ha incontrato funzionari di diverse aziende, giornalisti e sindacati. Tuttavia, diverse richieste di incontrare funzionari governativi sono state “respinte o ignorate”.

Politicizzare la RAI non è una novità, ma i colloqui della MFRR con i giornalisti della RAI hanno rivelato un “livello senza precedenti di pressione e autocensura”.

Hanno condannato anche l’acquisizione dell’AGI, la principale agenzia di stampa italiana, da parte di un deputato della Legia. Antonio AngelusicoPossiede già diversi quotidiani italiani popolari.

Secondo l’associazione l’acquisizione mette a serio rischio l’indipendenza editoriale di una delle principali agenzie di stampa italiane.

“Se un’offerta pubblica di acquisto per l’agenzia di stampa AGI diventasse concreta, le autorità di regolamentazione (…) dovrebbero condurre una valutazione approfondita e trasparente e considerare il pluralismo dei media, l’indipendenza editoriale e il conflitto di interessi.”

Nelle sue raccomandazioni, l’MFRR invita il Parlamento italiano, insieme ad esperti indipendenti e organi di stampa, ad “avviare una riforma globale delle norme che disciplinano le emittenti pubbliche italiane in conformità con l’articolo 5 dell’European Media Freedom Act” e ad attuare un riforma globale delle leggi sulla diffamazione, rendendole compatibili con l’UE e con la libertà di espressione allineandola agli standard internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto