I campioni difendono i loro titoli. Sarà difficile

Tre anni fa restano i campioni d’Europa dopo il terremoto. Con un nuovo allenatore sono nel girone della morte e devono lasciare il primo posto per pensare a vincere ancora. Le amichevoli promettono bene e Luciano Spalletti si reca in Germania di buon umore. Guarda la rosa dell’Italia prima di Euro 2024.

Campioni d’Europa – Non ha partecipato ai Mondiali

Nel 2021, gli italiani guidati da Robert Mancini hanno fatto un ottimo lavoro e hanno sconfitto tutti i loro rivali nel cammino verso la vittoria. Euro 2020 è loro, anche se non senza difficoltà. Agli ottavi di finale ha battuto l’Austria ai supplementari e ha vinto ai rigori contro la Spagna in semifinale. Lungo la strada sconfissero anche i belgi.

Hanno perso la finale a Wembley e hanno vinto ai rigori.

Tuttavia, i campioni d’Europa sono caduti rapidamente dal paradiso all’inferno dopo che le loro disastrose qualificazioni li hanno visti perdere la Coppa del Mondo 2022, decisa dal gol della Macedonia del Nord al 92esimo minuto dell’ultima partita di qualificazione.

La nuova mano di Spalletti

Nel 2023, Robert Mancini, che ha esordito con l’Italia nel 2018, è stato sostituito da Luciano Spalletti nella partita guidata da Jerzy Bresek contro la Polonia. L’ex allenatore del Napoli ha accettato di assumere la guida della squadra a condizione che vengano apportate piccole modifiche alla rosa.

Hanno vinto un posto a Euro 2024 in circostanze molto difficili. Nel girone hanno affrontato gli inglesi, contro i quali hanno perso due volte. Anche il pareggio con l’Ucraina non li ha aiutati. Tuttavia, con 14 punti, lo stesso numero dei nostri vicini dell’Est, sono arrivati ​​secondi nel girone. Ciò è stato aiutato dalla vittoria diretta contro gli ucraini nella prima partita e da una bella differenza reti.

READ  Germania. Più di 80.000 nuove infezioni da virus corona, la maggior parte delle quali si sono verificate dall'inizio dell'epidemia

La sorte non li aiuta, visto che gli Azzurri vengono inseriti nel girone con Spagna, Croazia e Albania. È molto difficile ottenere la prima posizione nel girone.

Come sarà l’Italia a Euro 2024?

La rosa dell’Italia per Euro 2024 potrebbe apparire molto diversa rispetto a tre anni fa, perché nonostante le partenze di Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci, la squadra ha ancora molta esperienza e gioventù.

Gianluigi Donnarumma è diventato un leader affidabile in porta. In seconda e terza linea figurano i bravissimi Jorginho, Niccolò Parella e Federico Chisa. E all’orizzonte è apparso Destiny Udoki, il cui nome vale la pena ricordare.

L’ex allenatore del Napoli Spalletti è ancora alla ricerca della sua rosa ideale, e il problema più grande della squadra è la mancanza di attaccanti. Giacomo Raspatori è il numero nove sfavorito e ha appena 5 gol in questa stagione. Dietro di lui c’è Mateo Redegui (7 gol in 28 partite). Proprio così, perché Gianluca Scamacca, nonostante abbia segnato 10 gol in questa edizione di Serie A, dal 2021 ha segnato solo un gol in Nazionale.

Il giocatore più importante: Nicolò Parella

Un anno dopo è stato il miglior giocatore della stagione di Serie A 2022/23, anche se il rendimento dell’Inter è stato piuttosto scarso. Parella sarà il motore trainante di tutta la squadra Italia e lo sarà sicuramente anche nei prossimi campionati.

La stella più grande: Gianluigi Donnarumma

Un pilastro di questa squadra negli anni. Ha avuto alti e bassi nella sua carriera calcistica, ma non è mai sceso al di sotto della classe mondiale. È rispettato dai tifosi ed è affamato di successo dopo l’ennesima sconfitta in Champions League contro il PSG.

READ  Italia: un morto in un incidente d'autobus con profughi ucraini
Miglior talento: Destiny Udoki

Il terzino del Tottenham ha recentemente riportato un infortunio al tendine del ginocchio, ma dovrà recuperare per Euro 2024. È uno dei giocatori più veloci della Premier League. Ha segnato due gol e tre assist in questa stagione. Dall’ottobre 2023 è titolare nella rosa di Spalletti e sembra destinato a diventare il principale terzino sinistro in Italia.

La controversia più grande: promozione dopo l’errore dell’arbitro

Mykhailo Mudric ha subito fallo in area di rigore nel pareggio (0-0) tra Italia e Ucraina. Brian Christensen ha fatto lo sgambetto all’esterno, ma l’arbitro ha ordinato di continuare il gioco. Anche il VAR non ha aiutato. Se l’Ucraina vince questa partita, gli italiani dovranno giocare gli spareggi.

UFT: Federazione Italiana Giuoco Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto