Grande Polonia. Un uomo di 25 anni è stato picchiato a morte davanti a una discoteca a Wtórek. Tragedia vicino a Ostrów Wielkopolski

L’ultima notte tra il 15 e il 16 giugno a Wtórek (Voivodato della Grande Polonia) è avvenuto un tragico evento. Un uomo di 25 anni è stato picchiato e inizialmente ha perso conoscenza prima di essere portato d’urgenza in ospedale dove è poi morto.

Guarda il video Due auto si scontrano a Lublino. La polizia ha diffuso questo video come avvertimento

Una rissa davanti ad una discoteca. Il giovane è stato portato in ospedale dove è morto

Nella notte tra sabato e domenica è scoppiata una rissa a Wtorek, una cittadina vicino a Ostro Vilkopolski. Tutto è accaduto davanti ad una discoteca locale. Un uomo di 25 anni è stato brutalmente aggredito. Subito dopo lo scontro, la squadra medica del pronto soccorso ha portato l’uomo privo di sensi all’ospedale di Ostro Vilkopolski. Era in condizioni critiche.

La rissa ha provocato la morte di un giovane. La polizia ha già arrestato molte persone

Purtroppo non è stato possibile salvare l’uomo. Morì in ospedale quella notte. – Si è verificato un incidente in cui un uomo di 25 anni sarebbe stato aggredito. È stato portato d’urgenza in ospedale ma purtroppo non è stato possibile salvargli la vita – ha detto.Voce della Grande Polonia“Sottocomandante Małgorzata Michaś, Ufficiale Comunicato stampa della Polizia Astro.

Non è noto chi sia stato l’autore del brutale attacco e perché lo abbia fatto. La polizia sta indagando sul caso. – La polizia ha già arrestato molte persone in relazione a questo caso. Tutte le attività vengono svolte sotto la supervisione di un avvocato. Spieghiamo ora le circostanze di questo tragico evento, ha detto Małgorzata Michaś. Jr. Asp. Ewa Golińska-Jurasz della polizia di Ostrów ha fornito le seguenti informazioni: TVP3 PoznańLa vittima dello scontro a Wtorek, nel voivodato della Grande Polonia, era residente a Kalisz.

READ  40 La migliore tapis roulant da casa del 2022 - Non acquistare una tapis roulant da casa finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto