Gli organismi multicellulari sono comparsi in condizioni difficili

Per un miliardo di anni il nostro pianeta è stato governato da organismi unicellulari e poi, circa 700 milioni di anni fa, è apparsa una nuova creatura: l’organismo multicellulare. Come è potuto accadere, scrivono gli scienziati nei Proceedings of the Royal Society B.

L’emergere degli organismi multicellulari ha rivoluzionato la forma di vita sulla Terra. Oggi gli organismi multicellulari sono molto diversi, dalle più semplici spugne marine agli esseri umani e alle sequoie. Ricerche recenti mostrano come potrebbero essere emersi i primi e più primitivi organismi multicellulari.

È interessante notare che ciò è accaduto in un’epoca in cui l’intera Terra aveva un clima molto rigido e i ghiacciai potevano raggiungere l’equatore. Questa era è chiamata la “Terra bianca come la neve”.

Si ritiene che i livelli di ossigeno debbano raggiungere una certa soglia affinché le singole cellule formino colonie multicellulari. Tuttavia, questo singolo fattore non spiega completamente perché gli antenati di animali, piante e funghi apparissero multicellulari contemporaneamente e perché ci vollero più di un miliardo di anni per evolversi per diventare multicellulari.

“Sembra controintuitivo che queste condizioni molto difficili, questo pianeta ghiacciato, siano diventati un catalizzatore per l’evoluzione degli organismi multicellulari e non per l’estinzione o il declino delle specie”, spiega William Crockett, uno studente di dottorato del Massachusetts Institute of Technology (USA). ). .

Gli scienziati hanno dimostrato che gli oceani ghiacciati bloccano la luce solare, limitando la fotosintesi e riducendo così i nutrienti nell’acqua.

Inoltre, gli organismi più grandi che processavano più acqua avevano maggiori possibilità di assorbire abbastanza cibo.

Dopo lo scioglimento dei ghiacciai, questi organismi continuarono ad evolversi e a diffondersi.

READ  Potrebbe esserci un pianeta oceanico nel nostro quartiere cosmico

Di più Qui. (porta)

karax/ajt/

La Fondazione PAP consente la ristampa gratuita degli articoli dal sito web Nauka w Polsce, a condizione che ci informiate via e-mail una volta al mese sull’utilizzo del sito web e forniate la fonte dell’articolo. Sui portali e sui siti web si prega di includere il seguente link: Fonte: Naukawpolsce.pl, e nelle riviste, spiegazioni: Fonte: Nauka w Polsce – Naukawpolsce.pl. Il permesso di cui sopra non si applica a: informazioni della categoria “Mondo” ed eventuali fotografie e materiale video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto