Gli attacchi ucraini alle raffinerie russe hanno fatto aumentare i prezzi del petrolio? Nuova analisi

Tuttavia, gli esperti del PIE ritengono che questi incidenti non avranno un impatto a lungo termine sui prezzi: il petrolio greggio non è stato colpito da attacchi su scala globale. Sottolineano che il principale fattore di rischio è il livello piuttosto basso delle scorte globali di carburante.

Il resto dell'articolo è sotto il video

Guarda anche: In cosa investe Sebastian Kulczyk? Una conversazione schietta con il presidente del KI, Dawid Jakupovic, in Business Class

L’Ucraina ha attaccato le raffinerie di petrolio russe. Quali furono le conseguenze?

Lo stimano gli analisti dell’Istituto economico polacco (PIE). A seguito degli attacchi dei droni ucraini a marzo, la capacità di lavorazione totale delle raffinerie russe è diminuita di circa il 5%. (0,26 milioni di barili al giorno) rispetto a febbraio 2024 Le fabbriche di Kirishy (Surgutneftegaz), Nizhny Novgorod (Nursi, di proprietà di Lukoil) e Ryazan (Rosneft) hanno subito le perdite maggiori. Come osserva PIE, dall’inizio della guerra sono stati registrati quasi 30 attacchi di droni contro raffinerie russe, inclusi almeno 9 attacchi quest’anno.

Di conseguenza, le esportazioni settimanali di prodotti petroliferi russi via mare sono diminuite di oltre il 40% a metà marzo, ovvero quasi 1 milione di barili al giorno, rispetto alla fine di febbraio. “Ciò significa perdite per le raffinerie russe pari ad almeno 100 milioni di dollari a settimana” – calcolano gli esperti.

La capacità produttiva delle raffinerie russe è diminuita del 7%.

Il rapporto PIE indica che alla fine di marzo 2024, a seguito degli attacchi ucraini, Le raffinerie russe possono processare circa 5,1 milioni di barili di petrolio al giorno. Questo è il 7%. Sotto la media per tutto il 2023, Quando erano 5,5 milioni di barili al giorno. Si legge: “Secondo gli analisti di Wood Mackenzie, da 0,8 a 1 milione di barili al giorno di capacità di lavorazione della raffineria potrebbero essere chiusi entro la metà di quest’anno a causa della necessaria manutenzione”.

READ  Russia. I sacerdoti hanno ricevuto una lettera da Mosca. Hanno dato un ordine

Come sottolineano gli autori, questa situazione può influenzare il mercato petrolifero globale solo in caso di calo permanente delle esportazioni di prodotti petroliferi russi. Tuttavia, gli economisti del PIE si aspettano che le attuali interruzioni vengano risolte entro maggio di quest’anno. Sottolineano inoltre che le raffinerie russe non hanno ancora utilizzato la loro piena capacità e nel 2024 avrebbero dovuto trasformarne meno del 90%. Il tuo potenziale.

I prezzi aumenteranno, ma non a causa dell’Ucraina

Secondo gli esperti dell'istituto, gli attacchi di marzo alle raffinerie non si tradurranno in un aumento permanente del prezzo del petrolio sulle borse mondiali. Nonostante le preoccupazioni del mercato e la retorica di Mosca, i prezzi del Brent sono aumentati poco meno del 5% a marzo. Rispetto alla media di febbraio.

C'è stata una maggiore stabilità nel mercato dei carburanti, con i prezzi dei futures della benzina LSE in aumento dello 0,2% nominale a marzo. MDM” – Rapporti PIE. Tuttavia, gli effetti degli attacchi si sono fatti sentire soprattutto nelle stazioni russe, dove a metà mese i prezzi della benzina sono scesi del 20% e quelli del diesel sono aumentati fino al 46%. “Più alto rispetto alla fine dello scorso anno.” – Confermano.

Gli analisti del PIE prevedono che nei prossimi mesi la diminuzione delle scorte negli Stati Uniti e in Europa avrà un impatto molto maggiore sull’aumento dei prezzi del carburante rispetto alle azioni militari. Come sottolineano, la potenziale ripresa dell’economia globale potrebbe aumentare la domanda di petrolio greggio e di prodotti petroliferi che, alla luce dell’offerta limitata, potrebbero comportare un rischio di carenza e pressione sui margini.

READ  Wall Street sale con il supporto delle grandi aziende tecnologiche mentre le tensioni geopolitiche si attenuano

Gli Stati Uniti l'hanno “scomunicata” e l'Ucraina non ha ascoltato

Gli attacchi di droni contro le infrastrutture petrolifere russe nelle ultime settimane hanno portato a interruzioni temporanee delle forniture e ad un aumento dei prezzi del carburante in Russia. Secondo quanto riportato dal Financial Times, gli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per queste azioni e hanno invitato l'Ucraina a fermarle. Il motivo è il timore di Washington di ritorsioni russe e di ulteriori turbolenze nel mercato petrolifero, che potrebbero influenzare anche i prezzi del carburante negli Stati Uniti nel periodo precedente alle elezioni cruciali.

Le autorità di Kiev, pur dichiarando di comprendere la posizione americana, sottolineano che di fronte all'aggressione russa devono utilizzare tutti i mezzi disponibili per difendersi. Gli attacchi, che prendono di mira elementi sensibili delle infrastrutture russe, mirano a impedire le forniture alle forze del Cremlino e a limitare le entrate che Mosca guadagna dalla vendita di materie prime. Gli esperti sottolineano che la pressione statunitense è una manifestazione di un conflitto di interessi e dimostra che nella politica globale non sono importanti solo i valori, ma anche gli obiettivi pratici.

Valuta la qualità del nostro articolo:

Il tuo feedback ci aiuta a creare contenuti migliori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto