Gli anfibi spaventati cantano piano La scienza in Polonia

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Acta Ethologica, gli anfibi usano un grido impercettibile agli esseri umani per difendersi dai predatori.

Lo studio faceva parte di una tesi di master scritta da Oberata Ferreira Souza dell'Istituto di Biologia dell'Università di Campinas (IB-UNICAMP) nello stato di San Paolo, in Brasile.

I ricercatori hanno registrato due volte il segnale di minaccia della rana Ha commentato HaddadÈ una specie endemica della foresta pluviale atlantica brasiliana. Quando viene emesso un segnale minaccioso, questa rana compie una serie di movimenti tipici della difesa dai predatori. Solleva la parte anteriore del corpo, spalanca la bocca e scuote la testa all'indietro. Quindi chiude parzialmente la bocca ed emette un suono che va dalla gamma di frequenze udibili dall'uomo (7 kHz – 20 kHz) alla gamma di frequenze non udibili degli ultrasuoni (20 kHz – 44 kHz).

“Alcuni predatori che potenzialmente minacciano gli anfibi, come pipistrelli, roditori e piccole scimmie, sono in grado di emettere e sentire suoni a questa frequenza (ultrasuoni), cosa che gli esseri umani non possono fare”, ha detto Souza, che è anche il primo autore dello studio. condizione.

Un'ipotesi è che il grido abbia lo scopo di attirare un altro animale che potrebbe attaccare il predatore minacciando l'anfibio.

“Alla luce del fatto che la diversità di anfibi in Brasile è la più alta del mondo, con più di 2.000 specie descritte, non sarebbe sorprendente se anche altre rane emettessero suoni a queste frequenze”, ha detto la coautrice Mariana Ritucci. Pontes. dell'articolo e uno studente di dottorato presso IB-UNICAMP.

Altre specie che utilizzano questa strategia potrebbero essere state scoperte per caso dalla stessa Pontis. Nel gennaio 2023, durante una visita al Parco Statale Turistico dell'Alta Ribeira (PETAR) a Iporanga, nello stato di San Paolo, Pontes ha visto un animale su una roccia che potrebbe essere stata una rana. Echnonema hensili.

Afferrare le rane per le zampe è un movimento comunemente utilizzato nella ricerca per simulare l'attacco di un predatore. Mentre teneva la rana per le zampe e cercava di scattare una foto, il ricercatore fu sorpreso di scoprire che i movimenti di difesa e di segnale di allarme erano molto simili a quelli H. pinotatus. A pochi metri di distanza c'era un serpente velenoso – Jararaka (Botropus jararaka), che ha confermato l'ipotesi secondo cui tale comportamento è una reazione ai predatori.

READ  Tre galassie si fanno a pezzi in questa nuova straordinaria immagine del telescopio Hubble

Nonostante sia stato registrato un video, non è stato possibile confermare la presenza della banda di frequenza ultrasonica.

“Entrambe le specie vivono nella lettiera delle foglie, hanno dimensioni simili (da 3 a 6 cm) e sono predate da predatori simili, quindi è possibile che Sono Hensley “Utilizza anche la sua chiamata di soccorso ultrasonica per difendersi dai nemici naturali”, ha affermato Luis Felipe Toledo, autore finale dell'articolo e professore presso IB-UNICAMP.

Toledo sospettava per la prima volta che H. binotatus emette suoni a frequenze troppo alte per essere udite dagli esseri umani nel 2005, quando era studente di dottorato presso l'Istituto di Bioscienze dell'Università Statale di San Paolo (IB-UNESP) a Río Claro. Tuttavia non è stato in grado di verificare le frequenze superiori a 20 kHz a causa delle limitate attrezzature disponibili in quel momento.

Esistono anche registrazioni di “conversazioni” ecografiche di tre specie di anfibi asiatici, ma le frequenze in questione vengono utilizzate per la comunicazione tra individui della stessa specie e, nel caso dei mammiferi, gli ultrasuoni sono comuni tra balene, pipistrelli, roditori e piccoli animali. scimmie. Il loro utilizzo da parte degli anfibi per l'autodifesa contro i predatori era precedentemente sconosciuto.

Gli autori vogliono trovare risposte a una serie di domande che emergono dalla scoperta: quali predatori sono sensibili alle richieste di aiuto, come rispondono e se la chiamata è intesa a spaventarli o piuttosto ad attirare i loro nemici naturali. “Il richiamo potrebbe avere lo scopo di attirare un gufo che attaccherà un serpente che sta per mangiare una rana?” – ha chiesto Souza (PAP).

Paolo Wernicke

bmw/bar/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto