Giorno 10 Biglietti d’ingresso a Venezia e registrazione all’arrivo

Sabato è il decimo giorno delle nuove regole per gli ingressi a Venezia. Con questo sistema è necessario prenotare la visita al centro storico in determinati giorni e pagare 5 euro se si pernotta.

Introducendo queste nuove regole, che rappresentano un passo senza precedenti nel mondo, le autorità cittadine vogliono controllare l’afflusso dei cosiddetti. Un giorno i turisti pernottano e migliorano la gestione del turismo. L’esame si svolgerà in giorni selezionati fino al 14 luglio.

L’obbligo di registrazione e pagamento è applicabile solo per gli arrivi tra le 8:30 e le 16:00.

Come ha sottolineato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro all’indomani del progetto pilota, “l’obiettivo dell’introduzione del biglietto d’ingresso è quello di rendere la città un posto migliore in cui vivere per residenti, lavoratori, studenti e turisti”.

I due ponti dal 25 aprile, data di entrata in vigore delle nuove norme, hanno registrato un enorme afflusso di turisti. Diverse migliaia di persone pagavano 5 euro al giorno per entrare nella città sul Canal Grande. Coloro che pernottano sono esenti da tale tariffa; Pagano la tassa di soggiorno per i soggiorni in hotel.

L'Ucraina lo sarebbe stata "Lasciare i territori occupati dalla Russia, ma con la garanzia di un'integrazione immediata con la NATO".

Venerdì le autorità cittadine hanno annunciato che 18.500 persone avevano pagato per entrare nel centro storico. Negli alberghi e nelle altre strutture ricettive hanno soggiornato 56.000 persone. Persone.

L’obbligo della registrazione della presenza e del pagamento vale la domenica e poi l’11, 12, 18, 19, 25, 26 maggio, 8, 9, 15, 16, 22, 23, 29, 30 maggio e il 6 giugno. 7, 13 e 14 luglio.

Migliaia di persone vengono testate ogni giorno. È necessario visualizzare un codice QR per confermare l’iscrizione, il pagamento o la detrazione. Sono 75 i controllori in servizio in 16 punti di Venezia, tra cui la stazione ferroviaria e il parcheggio di Piazzale Roma.

READ  Booker attenti. Il generale annuncia “grandi cambiamenti”.

Il mancato pagamento della tassa prevista può comportare sanzioni che vanno da 50 euro a 300 euro.

Silvia Wysocka

Il rapporto ha esaminato anche la reputazione delle singole regioni italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto