È di nuovo l’ondata estiva del Covid-19. Sempre più nuovi casi e varianti

Negli Usa la situazione è simile, perché secondo i dati dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), il tasso di ospedalizzazione per Covid-19 è leggermente aumentato, attestandosi a 1,5 per 100.000. Visite ospedaliere dall’1.1 a metà maggio. Anche i tassi di mortalità hanno raggiunto i livelli più bassi durante la pandemia, ma ogni settimana vengono ancora segnalati circa 300 decessi correlati alla SARS-CoV-2. Nel nostro Paese nel mese di giugno abbiamo registrato da diversi a dodici casi al giorno, anche se il numero esiguo di test effettuati potrebbe distorcere leggermente questo quadro, e comunque Al 1° luglio erano stati effettuati 443 test ufficiali, di cui solo 6 positivi (2 nel Voivodato della Pomerania, 1 nel Voivodato della Mazovia, 1 nel Voivodato della Bassa Slesia, 1 nel Voivodato della Slesia e 1 nella Piccola Polonia). governatorato).

La situazione sembra comunque sotto controllo e tranquilla, ma come sottolineano gli scienziati, comprendere le ultime varianti e i loro sintomi è fondamentale. Sono apparsi negli ultimi mesi Nuove varianti del virus SARS-CoV-2, chiamate collettivamente FLiRT. Negli Stati Uniti, due rappresentanti di questo gruppo sono responsabili di più della metà delle infezioni: KP.3 e KP.2che sono collegati alla variante altamente contagiosa JN.1.

Questo a sua volta Attualmente domina il Regno Unito, ma qui sono presenti anche le varianti KP2 e KP3, sebbene quest’ultima in piccoli numeri.. L’Health Safety Executive del Regno Unito (UKHSA) li monitora da vicino per comprenderne le caratteristiche, valutarne i rischi e vedere come i vaccini esistenti li affrontano.

Brevemente, Non ci si dovrebbe aspettare alcun cambiamento nelle raccomandazioni se si sospetta la malattia e, sebbene siano emerse nuove varianti, anche l’elenco ufficiale dei sintomi del Covid-19 rimane invariato.Spesso includono: febbre alta, nuova tosse persistente, perdita o alterazione del senso dell’olfatto o del gusto, mancanza di respiro, affaticamento, dolori muscolari, mal di testa, mal di gola, naso chiuso o che cola, perdita di appetito, diarrea, nausea o vomito. .

READ  Notizie d'Ateneo | Marzo 2024 - Aprile 2024 - Tutte le notizie - Studia all'UMCS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto