Cile/inizio attività del più alto osservatorio astronomico

Inizio delle operazioni del più alto osservatorio astronomico. L'Osservatorio Atacama di Tokyo opererà a 5.640 metri di altitudine ed esaminerà, tra le altre cose, la formazione planetaria e l'evoluzione delle galassie.

Inizio delle operazioni del più alto osservatorio astronomico. L'Osservatorio Atacama di Tokyo opererà a 5.640 metri di altitudine ed esaminerà, tra le altre cose, la formazione dei pianeti e l'evoluzione delle galassie. Il 30 aprile, dopo 26 anni di progettazione e costruzione, è stato inaugurato l'Osservatorio Atacama di Tokyo (TAO). Lo strumento, di proprietà dell'Università di Tokyo, è stato costruito sul Cerro Chajnantor, situato nel deserto cileno di Atacama, a 5.640 metri di altitudine.

Pertanto, è l'osservatorio astronomico terrestre più alto del mondo, ed è stato persino registrato nel Guinness dei primati.

Grazie all'influenza molto limitata dell'atmosfera, avrà un potenziale senza pari.

“Stiamo cercando di scoprire i segreti dell'universo, come l'energia oscura e la struttura delle stelle primordiali. Ciò richiede una visione del cielo che solo il TAO può fornire.” Yuzuru Yoshii, che ha guidato il progetto di costruzione del telescopio per 26 anni.

“Naturalmente il dispositivo è dotato di ottica, sensori, componenti elettronici e meccanici di alta qualità, ma la sua posizione unica a 5.640 metri di altitudine gli conferisce capacità speciali. A questa altitudine c'è poca umidità che può disturbare la visione a infrarossi.” Ha aggiunto.

Secondo lui, costruire un telescopio sul Cerro Chagnantor è stata un'incredibile sfida tecnica e politica. “Abbiamo concluso accordi con i residenti locali per rispettare i loro diritti e interessi, il governo cileno ci ha concesso un permesso di costruzione, le università locali ci hanno aiutato a risolvere i problemi tecnici e il Ministero della Salute cileno si è preso cura della sicurezza del lavoro ad alta quota. Grazie a tutti, la ricerca che sognavo diventerà davvero presto.”

READ  Un sarcofago di piombo sotto la cattedrale di Notre Dame. Chi è sepolto lì?

Nel frattempo, il mal di montagna può colpire non solo il team che costruisce lo strumento, ma anche gli astronomi che lavorano sul sito. Tuttavia, secondo gli scienziati, gli sforzi saranno sicuramente ripagati.

“Grazie alla sua alta quota, TAO sarà l’unico telescopio terrestre in grado di osservare lo spazio nel medio infrarosso. “Questa parte dello spettro è particolarmente adatta per studiare le regioni attorno alle stelle, comprese le regioni di formazione planetaria”, spiega il Prof .Takashi Miyata.

Sarà inoltre possibile collegare al telescopio ulteriori strumenti progettati appositamente per uno specifico progetto di ricerca.

Ad esempio, un team dell'Università di Tokyo ha sviluppato uno spettrografo che permette di osservare un grande spazio inesistente in due diverse bande ottiche, che permetterà di ottenere informazioni su varie galassie, compresi i buchi neri supermassicci che si nascondono nei loro centri.

“I nuovi telescopi e gli strumenti che funzionano con essi ci permettono di fare progressi nell’astronomia. Spero che, grazie al TAO e ad altri telescopi terrestri e spaziali, la prossima generazione di astronomi sarà in grado di fare scoperte inaspettate che costringono. permetterci di rivedere le nostre attuali conoscenze e spiegare l’inspiegabile”. Masahiro Konishi.(PAP)

Marek Matacz

con/otto/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto