Bevi, ma non ti ubriachi. Goditi il ​​tuo drink senza conseguenze spiacevoli

Cosa c’è di più, Se si consumano grandi quantità di alcol in un breve periodo di tempo, non tutto verrà metabolizzato abbastanza rapidamente, causando avvelenamento. È qui che viene in soccorso un nuovo gel sperimentale, composto da glucosio, nanoparticelle d’oro e nanofibre derivate da proteine ​​del siero di latte ricoperte da atomi di ferro. Può essere assunto prima, durante o subito dopo aver bevuto – ed è efficace purché l’alcol rimanga nel sistema digestivo.

Tuttavia, il gel stesso viene digerito molto lentamente, quindi rimane nel tratto digestivo abbastanza a lungo da svolgere il suo lavoro. Ciò inizia con le molecole di glucosio e oro che reagiscono nel corpo per produrre perossido di idrogeno, che a sua volta innesca una serie di reazioni enzimatiche – potenziate dagli atomi di ferro – Convertire l’alcol direttamente in acido acetico prima che entri nel flusso sanguigno.

Nei test di laboratorio, il gel è stato somministrato ai topi che hanno ricevuto una singola dose di alcol. Entro 30 minuti, il livello di alcol nel sangue di questi topi è sceso del 40%. Rispetto al gruppo di controllo, Coloro che non hanno ricevuto il gel, dopo cinque ore, la percentuale era del 56%. Si è scoperto anche che i topi avevano meno acetaldeide nel corpo e mostravano molto meno stress a carico del fegato.

Almeno le sperimentazioni umane sono attualmente programmate Naturalmente, gli scienziati confermano che sarebbe meglio abbandonare completamente le bevande contenenti alcol. Allora non tutti vogliono farlo. Pertanto, il gel può essere interessante per le persone che hanno a cuore la propria salute e non vogliono sovraccaricare il corpo, ma allo stesso tempo non hanno intenzione di rinunciare di tanto in tanto a bere.

***

Rimani informato E diventa uno dei nostri 90.000 follower sulla fan page, ad es Geekwick su Facebook E commenta lì i nostri articoli!

READ  La vera fonte d'acqua della Terra potrebbe essere molto diversa da quella che pensi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto