Attivista italiano incarcerato in Ungheria per candidarsi al Parlamento europeo – EURACTIV.pl

Un attivista antifascista italiano accusato di aver picchiato due neonazisti ungheresi è dietro le sbarre in Ungheria da più di un anno. Le autorità di Roma non hanno voluto interferire nel suo caso. Pertanto, un partito di sinistra ha deciso di schierarlo alle elezioni del Parlamento europeo.

39 anni Ilaria Challis Fa l'insegnante di professione ed è originario di Monza vicino Milano. Nel febbraio dello scorso anno si è recato in Ungheria con un gruppo di attivisti antifascisti che protestavano contro una manifestazione neonazista a Budapest.

Scontro neonazisti e antifascisti a Budapest

[IlradunofacevapartediunafestaneonazistanonufficialechiamataOffhonerchecommemoravalabattagliadellaWehrmachttedescacontrol'ArmataRossaallaperiferiadiBudapestnell'invernodel1945L'UngheriaeraunaforzaalleatadurantelaSecondaelaTerzaGuerraMondiale[1945குளிர்காலத்தில்புடாபெஸ்டின்புறநகரில்நடந்தசெம்படைக்குஎதிராகஜெர்மன்வெர்மாச்ட்இழந்தபோரைநினைவுகூரும்டேஆஃப்ஹானர்என்றுஅழைக்கப்படும்அதிகாரப்பூர்வமற்றநவ-நாஜிவிடுமுறைகொண்டாட்டத்தின்ஒருபகுதியாகஇந்தபேரணிஇருந்ததுஹங்கேரிஒருநட்புநாடாகஇருந்ததுஇரண்டாம்உலகப்போரின்போதுமூன்றாம்ரைச்

L’11 febbraio 2023 gli antifascisti di diversi paesi europei si sono scontrati con i neonazisti nella capitale ungherese. La polizia ha arrestato i manifestanti. In carcere anche Ilaria Salis, accusata poi del “tentato omicidio” di due neonazisti ungheresi. Deve prendere a calci le persone che giacciono a terra.

Due uomini sono rimasti effettivamente feriti nello scontro, ma non hanno avuto bisogno di cure mediche serie e, dopo che le ferite sono state curate, sono tornati a casa con qualche giorno libero dal lavoro.

Tuttavia, Challis è in custodia da allora e attende da quasi un anno l'inizio del processo sul suo caso, iniziato il 29 gennaio di quest'anno. La donna italiana rischia diversi anni di carcere e viene portata in aula con catene che le legano mani e piedi in quanto classificata come “detenuta particolarmente pericolosa”.

Il governo italiano non era disposto ad agire

Il mese scorso, gli avvocati di Sallis hanno cercato di convincere la corte a cambiare la sua custodia carceraria in custodia portuale, ma la richiesta è stata respinta. Infruttuosi anche gli appelli della famiglia dell'autore affinché il governo italiano intervenisse.

READ  Scopri di più su Putin in Ucraina. Dlaczego Rosja grozi wojn? | Wiadomo¶ci ze ¶wiata

Il padre è stato arrestato, ma ha incontrato il presidente Sergio MatterelChallis ha espresso la speranza che venga liberato, ma formalmente il capo dello Stato italiano non può fare molto al riguardo.

La Farnesina ha appoggiato solo la richiesta di arresti domiciliari per l'insegnante arrestato in Ungheria. Ma era. “Non vogliamo politicizzare questa questione”, ha detto il capo della diplomazia italiana Antonio Tajani.

L’Italia non è pronta a impegnarsi con il governo di destra ungherese, guidato dall’ala destra attualmente al potere. Vittorio Orban. E i fratelli italiani del presidente del Consiglio con attivisti antifascisti che spesso attaccano il partito Giorgio Meloni o la Corporazione del Vice Primo Ministro Matteo SalvinicoLe attuali autorità di Roma sono molto scontente.

Challis è candidato al Parlamento europeo

A loro volta, i partiti di opposizione chiedono a gran voce il destino di Salis. I politici del Partito democratico di centrosinistra hanno suggerito che l'insegnante arrestata in Ungheria potesse essere candidata alle elezioni del Parlamento europeo per ottenere l'immunità, ma l'estrema sinistra ha respinto la proposta.

Alla fine Challis aggiungerà alla sua lista la coalizione Verde-Sinistra (AVS), che attualmente ha un rappresentante al Parlamento europeo. Se l'insegnante italiano dovesse vincere un seggio al Parlamento europeo, il tribunale ungherese dovrà rilasciarlo perché il suo processo non si concluderà prima delle elezioni europee di giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto