Apertura del Centro polacco-americano per le tecnologie energetiche pulite

La formazione dei dipendenti nel campo dell'energia nucleare, il lavoro per l'inclusione dell'industria polacca nella catena di approvvigionamento: questi sono i primi settori di attività del Centro regionale polacco-americano di formazione per le tecnologie per l'energia pulita (CETC), inaugurato mercoledì.

Oltre alla cooperazione con le università, il Centro svolgerà anche corsi di formazione specialistica per sostenere le aziende polacche interessate ad acquisire conoscenze ed esperienze nel settore nucleare.

Secondo Michael Goff, vice segretario aggiunto per l'energia nucleare del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, il CETC fungerà da centro di formazione in Europa centrale. “Ciò simboleggia l'impegno degli Stati Uniti e della Polonia, che va oltre le relazioni commerciali. Fornirà alla Polonia la formazione e le risorse necessarie per costruire la sua prima centrale nucleare”, ha osservato Goff durante la sessione di apertura del centro a Varsavia. Università della Tecnologia.

La Polonia offre agli altri paesi un esempio di vera partnership con gli Stati Uniti, e la creazione del centro è il primo passo verso la futura cooperazione nel campo della sicurezza in generale, della costruzione di catene di approvvigionamento, ecc. – ha affermato Goff. Ciò include: Ha aggiunto che lo sviluppo di capacità per implementare reattori AP1000 e SMR utilizzando tecnologie americane.

Il preside dell'Università della Tecnologia di Varsavia, prof. Krzysztof Zareba ha confermato che presto inizieranno le prime lezioni e seminari del centro nel campo dell'energia nucleare. I costi operativi del CETC saranno finanziati dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

Il viceministro del clima Milos Motycka ha sottolineato che “l'energia nucleare è un elemento importante nella transizione energetica polacca. La realizzazione del più grande investimento nella storia del sistema energetico polacco con i partner statunitensi è l'espressione di un'alleanza strategica”. Come ha sottolineato, il governo è pienamente impegnato nella transizione energetica e nell’energia nucleare, che è una componente importante della transizione.

A sua volta, l'ambasciatore americano in Polonia, Mark Brzezinski, ha considerato l'apertura del centro un investimento nelle relazioni polacco-americane. “Il Partenariato Strategico per l’Energia è più di un semplice progetto nucleare”, ha aggiunto Brzezinski.

READ  Telescopio spaziale Hubble. Nuova foto di una giovane star

La formazione fornita dal Centro sarà diretta a un'ampia gamma di beneficiari, che rappresentano, tra gli altri, università, istituzioni e aziende coinvolte nella realizzazione di progetti nucleari in Polonia. Secondo il Ministero del Clima, l'interesse a partecipare è stato espresso da università, aziende che implementano o pianificano di implementare progetti nucleari, istituzioni di regolamentazione come PAA o UDT e istituti di ricerca come il Centro nazionale per la ricerca nucleare e l'Istituto di chimica nucleare e Tecnologia. e la rete di ricerca di Łukasiewicz e l'impianto di smaltimento dei rifiuti radioattivi. Anche le aziende locali della catena di fornitura e dell’industria in generale sono interessate a prepararsi per la certificazione nucleare, le leggi, gli standard e i requisiti per le tecnologie statunitensi.

La formazione all'interno del Centro si svolgerà, a seconda del formato e della specificità, online o su base fissa, sia in Polonia che negli Stati Uniti, tra cui: sugli impianti nucleari.

La prima centrale elettrica del programma nucleare polacco sarà costruita da un consorzio delle società americane Westinghouse e Bechtel utilizzando la tecnologia AP1000 Westinghouse. Il consorzio sta attualmente eseguendo un contratto per la progettazione di una centrale elettrica da realizzare nel sito di Lubiatowo-Kopalino in Pomerania. La costruzione inizierà nel 2026. L'investitore nella centrale è la società statale PEJ.

Parallelamente, sono in corso i lavori sulla progettazione di piccoli reattori modulari di tipo SMR, tra cui: l'utilizzo della tecnologia americana BWRX-300, la cui costruzione è pianificata da OSGE, una filiale di Orlen e Synthos. (porta)

tana / mmo /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto