Viene fatta una cravatta. Tadej Pogacar conquista l’Italia. Ora la Francia

Nelle ultime tre settimane sulle strade italiane, Boggar ha scritto una bellissima storia di ciclismo. Al termine dell’ultima fase, dovrà concludersi con la vittoria di Roma. Forse se fosse sicuro?

Tuttavia, ha avuto così tanto successo e ha ottenuto un enorme vantaggio nella classifica generale di cui non aveva più bisogno. Inoltre ha il diritto di sentirsi stanco, non è un corridore. Ai piedi del Colosseo, il più veloce – per la terza volta quest’anno – è stato il belga Tim Merlier, davanti all’italiano Jonathan Milan, e ancora una volta Stanislav Aniokowski ha concluso meglio – al sesto posto. Solo un ciclista è degno dell’onore imperiale.

Il vantaggio di Bogakar è di quasi 10 minuti

Bocagar ha già fatto quello che voleva al Giro, forse più di quanto volesse. Ha vinto sei tappe nelle quali ha corso con la maglia di leader. Terzo una volta, secondo due volte. La prima delle tappe di montagna più impegnative, ma una delle più collinose e due prove a cronometro. Anche a Roma ha condotto il gruppo fino al secondo chilometro dal traguardo.


Nella classifica finale, il colombiano Daniel Martinez del team Bora Hansgrohe è arrivato secondo, a nove minuti e 56 secondi da Boggar, mentre il terzo britannico Geraint Thomas di Inios era a 10 minuti e 24 secondi da Boggar. È stato il quarto vantaggio più grande in una gara italiana dal 1945.

READ  Kiev rafforza la sicurezza. USA: Siamo preoccupati per la cooperazione russo-cinese [RELACJA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto