Uno strano segnale proveniente dalle profondità dello spazio ha rivelato la presenza di un UFO

Gli astronomi hanno scoperto una stella di neutroni che emette radiazioni radio che mettono alla prova le nostre teorie: ruota molto lentamente. Le stelle di neutroni standard ruotano centinaia di volte al secondo. La stella appena scoperta ASKAP J1935+2148 ha un periodo di rotazione di 53,8 minuti. Questa stranezza cosmica è stata scoperta utilizzando il telescopio ASKAP nel distretto Wajarri Yamaji dell’Australia occidentale e l’osservatorio radio MeerKAT.

Gli specialisti lo hanno scoperto Una stella di neutroni ha tre diversi stati di emissione: Un’onda di onde radio della durata da 10 a 50 secondi; L’impulso debole, che è 26 volte più debole di prima, dura 370 millisecondi; Il terzo stato è il periodo di riposo.

La scoperta di una stella di neutroni candidata che emette impulsi radio in questo modo è molto insolita. Il fatto che il segnale venga ripetuto a una velocità così lenta è unico – ha detto la dottoressa Manisha Kalb dell’Istituto di Astronomia dell’Università di Sydney.

Ciò che è ancora più sorprendente è che nel corso di otto mesi di ricerca si sono osservate tre rinascite svilupparsi. Questo per indicarlo Cosa fa sì che le emissioni cambino nel tempo.

La cosa interessante è che questo oggetto mostra tre distinti stati di emissioneOgnuno ha caratteristiche completamente diverse dalle altre. Il radiotelescopio MeerKAT in Sud Africa ha svolto un ruolo importante nel distinguere questi paesi. Il dottor Caleb ha aggiunto che se i segnali non provenissero dallo stesso punto nel cielo, non crederemmo che sia lo stesso oggetto a emettere questi segnali diversi.

READ  40 farmacisti e medici riceveranno finanziamenti nell'ambito del programma Walczak NAWA

Gli astronomi non hanno una spiegazione perfetta di come le stelle di neutroni producono emissioni radio. Le teorie attuali possono spiegare solo una parte di questo particolare comportamento.

Nel frattempo, i ricercatori sottolineano che il “mostro cosmico” non deve essere necessariamente una stella di neutroni. Esiste una versione alternativa che presuppone che possa trattarsi di un oggetto insolito Una nana bianca con un campo magnetico estremamente forte. Un oggetto del genere non è stato ancora documentato, ma la sua esistenza è possibile.

Potrebbe essere un’altra soluzione Sistema binario È costituito da due stelle di neutroni, oppure da una stella di neutroni e una nana bianca. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

– Potrebbe addirittura spingerci a farlo Rivisitare decenni di conoscenza sulle stelle di neutroni O nane bianche. Come emettono le onde radio e quante ce ne sono nella nostra Via Lattea – ha concluso il dottor Caleb.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati su una rivista scientifica Astronomia della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto