Un nuovo metodo per insegnare la robotica sviluppato dal MIT

I ricercatori del MIT hanno fatto un passo avanti nella creazione di robot umanoidi in grado di svolgere efficacemente una serie di compiti. Gli scienziati hanno dimostrato l’efficacia del nuovo metodo e sono orgogliosi dei risultati.

Scienziati del Massachusetts Institute of Technology (Massachusetts Institute of Technology) Operaqually Un nuovo metodo per insegnare ai robot umanoidi utilizzando l’intelligenza artificiale generativa è chiamato modelli di diffusioneCiò può ottenere rapidamente risultati notevoli nell’insegnamento della robotica. L’obiettivo che un team di scienziati si è prefissato è: Insegna in modo efficace al robot a eseguire compiti diversi utilizzando strumenti diversi.

Metodo denominato Configurazione della politica PoCo si basa sulla capacità dell’intelligenza artificiale di combinare dati specifici ottenuti durante l’esecuzione di compiti semplici in gruppi più grandi. Combina i dati raccolti da un singolo modello di distribuzione (AI) durante l’esecuzione di attività diverse in un unico database (policy), Consente di eseguire altri compiti, anche precedentemente sconosciuti al robot, utilizzando strumenti diversi.

La formazione dei modelli di diffusione come parte della formazione delle politiche si basa sull’esecuzione di compiti semplici come tagliare, martellare chiodi o girare le frittelle in una padella. Gli scienziati hanno testato il metodo PoCo in simulazioni e su robot braccio. Applicazione del metodo sviluppato Il risultato è stato un miglioramento del 20% nelle prestazioni delle attivitàrispetto ai robot addestrati utilizzando metodi di base.

Aspetto: Squadra di calcio robotica? E prima che ce ne rendiamo conto, i cambiamenti arriveranno

Aspetto: Gli Stati Uniti vogliono dissanguare la Cina. Produzione solo in Occidente

Fonte immagine: shutterstock | Wesnart

Fonte del testo: MIT News, Tech Crunch | Preparato includendo

READ  Dalle ustioni alla natura ondulatoria del calore – attraverso l’equazione del telegrafo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto