Un mondo appena scoperto dallo spazio profondo ha sorpreso gli astronomi. “Sembra strano”

Un pianeta extrasolare dal nome appropriato TIC365102760 b ha letteralmente sorpreso gli astronomi. Questo mondo dello spazio profondo è più caldo, più piccolo e più vecchio di quanto gli esperti si aspettino. Si trova a 1.800 anni luce di distanza nella costellazione del Cigno.

Il pianeta appena scoperto è sei volte più vicino alla sua stella di quanto Mercurio lo sia al sole. A sua volta, la stella madre è una gigante rossa, che rappresenta lo stadio successivo nell’evoluzione di stelle come il nostro Sole. Il pianeta gira attorno alla sua stella in soli 4,2 giorni.

Questa orbita stretta è ciò che fa esistere questo mondo Estremamente caldo (Ecco perché ha un altro nome: Phoenix). L’alta temperatura e il flusso costante di particelle provenienti dalla stella dovrebbero spogliare completamente il pianeta della sua atmosfera, ma ciò non accade.

Il pianeta Phoenix è 6,2 volte più grande e 19,2 volte più massiccio del pianeta blu, quindi è di dimensioni simili alla Terra. Nettuno. È stato precedentemente osservato che i pianeti più grandi e più giovani di questo tipo perdono atmosfere a causa delle loro orbite vicine alle loro stelle.

– Questo pianeta non si sta evolvendo come pensavamo. Sembra Ha un’atmosfera molto più grande e meno densa di quanto ci aspettassimo per questi sistemi. Sam Grunblatt, astrofisico della Johns Hopkins University, ha affermato che la grande domanda è come questo pianeta sia riuscito a mantenere un’atmosfera nonostante la sua vicinanza alla sua grande stella ospite.

Le analisi hanno rivelato che l’esopianeta unico appartiene al cosiddetto Nettuno caldoTuttavia, è fino a 60 volte meno denso del pianeta più denso di questa categoria.

– È il pianeta più piccolo che abbiamo mai scoperto gigante rosso E forse il pianeta meno massiccio attorno al quale orbita [czerwonego] Il più gigantesco che abbiamo mai visto. Ecco perché sembra davvero strano. “Non sappiamo perché abbia ancora un’atmosfera, mentre altri ‘Nettuno caldi’, che sono molto più piccoli e più densi, sembrano aver perso la loro atmosfera in ambienti molto meno estremi”, ha detto Gronblatt.

I ricercatori hanno notato che qui il degrado atmosferico procede molto lentamente. La crescente dimensione delle giganti rosse influenza le orbite dei pianeti, che nel tempo possono scontrarsi con la superficie della stella in modo a spirale. La fenice cadrà nella trappola della gigante rossa tra circa 100 milioni di anni.

È possibile che la stella abbia già assorbito altri pianeti esistenti prima di TIC365102760 b. Questo caso unico potrebbe spiegarci quale destino potrebbe toccare alla Terra tra circa 5 miliardi di anni. Poi il sole si espande Consumerai Mercurio e VenereE forse anche il nostro mondo.

– Non capiamo bene Evoluzione tardiva dei sistemi planetari. Questo ci dice che forse l’atmosfera terrestre non si svilupperà proprio come pensavamo, ha concluso Gronblatt.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati su una rivista scientifica Giornale astrofisico.

READ  Il prossimo passo verso i touchscreen antibatterici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto