Questo posto è la porta dell'inferno? Bruciò 70 anni fa

In Azerbaigian, più specificamente Penisola di Absheron Puoi trovare un certo posto insolito. È insolito perché centinaia di anni fa riuscì a rendere felice lo stesso Marco Polo. Il viaggiatore ed esploratore lo descrisse come “fuoco venuto dal nulla” e non esagerava affatto. Sito web di Dag Perché è una montagna infuocata che di tanto in tanto erutta con lingue di fuoco e brucia. Questo fuoco potrebbe non spegnersi nemmeno per decenni, deliziando i visitatori di tutto il mondo.

La fiamma è ancora viva da più di 70 anni. In passato, questo luogo era un'area importante per i seguaci della religione del fuoco. Gli zoroastriani, come vengono chiamati, fecero un pellegrinaggio a Yanar Dagh. Credevano che la fiamma in questo caso fosse un collegamento tra i vivi e l'aldilà, per gli esseri soprannaturali.

sebbene Sito web di Dag Per molti anni gli sono state attribuite proprietà insolite e magiche e la scienza ha trovato una risposta alla domanda sull'origine del fuoco. Nonostante tutto, questo fenomeno sembra ancora sorprendente, perché il combustibile del “vulcano” è il gas naturale. I suoi depositi si trovano su quasi tutta l'area dell'Azerbaigian.

Basta quindi una semplice fuga di gas dal sottosuolo e anche una piccola scintilla per creare una fiamma che non teme gli agenti atmosferici. Il gas infiammabile può bruciare per molti anni. Non è influenzato dal vento e nemmeno dalla forte pioggia e dalla pioggia battente. Questo è l'aspetto di Yanar Dag qualche anno fa.

È interessante notare che le fiamme a Yanar Dag sono ancora alimentate naturalmente dalle infiltrazioni di gas idrocarburi dagli strati sotto la superficie. Per fare un confronto, esiste anche una simile “attrazione” a Baku, dove dopo che la fuga di gas si è fermata, la torcia è stata collegata all'energia artificiale, principalmente per scopi turistici.

READ  I robot saranno creati da cristalli liquidi?

Molti turisti da tutto il mondo decidono di recarsi in Azerbaigian per vedere di persona la montagna in fiamme di Yanar Dag. Vale la pena fare un viaggio del genere? Dipende. A volte le fiamme possono essere enormi, raggiungendo diversi metri di altezza. Tuttavia, questo è un fenomeno estremamente raro e molto spesso gli incendi sono di piccole dimensioni.

Una destinazione più interessante per gli amanti del fuoco potrebbe essere il Turkmenistan, dove possiamo trovare il cosiddetto Le porte dell'inferno. È un buco in cui brucia costantemente il gas che emerge dall'interno del nostro pianeta. L'incendio è avvenuto accidentalmente a seguito dell'incendio. Dopotutto, bruciava da oltre 50 anni.

Consigliamo su Antyweb: Questo è uno dei nemici dell'uomo nello spazio. Possiamo sconfiggerlo presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto