“Marciniak ha violato intenzionalmente il regolamento” | RealMadryt.pl

“Nonostante siano passati diversi giorni, non posso perdere l’occasione di ricordare la rapina subita dal Bayern Monaco nella partita disputata al Bernabéu l’8 maggio, quando l’arbitro e il suo assistente sulla linea di porta commisero il più grande crimine che potesse accadere da allora. l’introduzione della tecnologia VAR per migliorare le decisioni arbitrali.

Secondo me non c’è stato nessun fallo, come alcuni lo descrivono, ma una preparazione attenta e calcolata che avrebbe dovuto sembrare un “incidente”, anche se, tenendo conto delle norme VAR e dell’esperienza degli autori, ciò era impossibile. .

Al giorno d’oggi, se un fischio di fuorigioco di due o tre metri non viene fischiato fino alla fine della partita, il guardalinee lo “guarda” da pochi millimetri di distanza. Il primo errore inspiegabile: non c’era fuorigioco. Il polacco Marciniak, invece di ignorarlo nello spirito del regolamento, ha fischiato per una violazione inesistente nel secondo. Il secondo errore imperdonabile Tuttavia, questo era l’unico modo per portare a termine il crimine. Se l’arbitro non avesse fischiato, l’azione sarebbe finita con un gol legale dopo l’analisi del VAR. Era la scusa perfetta per infrangere le regole e lo spirito. In altre parole, secondo me, è stato fatto apposta. Gli errori umani non esistono nell’era del VAR… a meno che il Real Madrid non ne tragga vantaggio. Non è Almeria?

Ora, nulla giustifica azioni come quelle a cui stiamo assistendo. Se questo accade è perché i loro autori, in campo o al VAR, li hanno preparati consapevolmente. Neppure per la trousse del Real Madrid che Marciniak sfoggia spudoratamente. A volte sembra che basti una ciotola di riso.

READ  Il Lech Poznan ha confermato la separazione dal secondo giocatore [OFICJALNIE]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto