La NASA ha lanciato un satellite per esplorare le regioni polari della Terra

Sabato la NASA ha lanciato i primi due satelliti per misurare la quantità di calore rilasciata nello spazio dalle regioni artica e antartica, ha riferito la CNN.

Il satellite, grande quanto una scatola da scarpe, è stato lanciato a bordo di un razzo Rocket Lab Electron da una base a Mahia, in Nuova Zelanda. La NASA ha confermato il successo della messa in orbita del satellite.

Grazie alla missione scientifica PREFIRE (Polar Radiant Energy in the Far Infrared Experiment), i ricercatori potranno comprendere meglio l’effetto serra che si verifica nelle regioni polari, e in particolare come questi intrappolano nuvole, vapore acqueo e altri elementi nell’atmosfera terrestre . Riscaldandolo e impedendogli di irradiarsi nello spazio.

I dati raccolti dai due satelliti verranno utilizzati per creare modelli climatici. Gli scienziati della NASA sperano che, grazie a queste informazioni, in futuro sarà possibile prevedere con precisione come la crisi climatica influenzerà il livello del mare, la variabilità meteorologica e lo spessore della copertura di neve e ghiaccio. Questo è importante perché la temperatura nell’Artico è aumentata più di 2,5 volte più velocemente rispetto al resto del pianeta a partire dagli anni ’70.

Come spiegano i ricercatori, le regioni tropicali della Terra assorbono molta energia dal Sole. Le correnti aeree e oceaniche lo trasportano verso i poli e da lì il calore si irradia nello spazio. Gran parte di questo calore proviene da onde del lontano infrarosso, che non sono mai state misurate sistematicamente, ha riferito la NASA.

L’agenzia non ha fissato una data per il lancio del secondo satellite.

Entrambi gli oggetti si troveranno in orbite polari non sincrone. Raccoglieranno informazioni da aree specifiche nell’arco di diverse ore. Ciascuno è dotato di uno spettrometro termico per misurare il calore sotto forma di energia nel lontano infrarosso, che si irradia nello spazio attraverso la superficie terrestre e l’atmosfera (PAP).

READ  La NASA testa nuovamente con successo i motori dello stadio primario del razzo lunare dopo un errore

mzb/zm/

La Fondazione PAP consente la ristampa gratuita degli articoli dal sito web Nauka w Polsce, a condizione che ci informiate via e-mail una volta al mese sull’utilizzo del sito web e forniate la fonte dell’articolo. Sui portali e sui siti web si prega di includere il seguente link: Fonte: Naukawpolsce.pl, e nelle riviste, spiegazioni: Fonte: Nauka w Polsce – Naukawpolsce.pl. Il permesso di cui sopra non si applica a: informazioni della categoria “Mondo” ed eventuali fotografie e materiale video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto