Esodo degli ambasciatori polacchi dall’Ucraina? Commento del portavoce del governo

Il portavoce di stato Pyotr Mல்லller ha affermato che la decisione di espellere i funzionari dell’ambasciata polacca dall’Ucraina non è stata ancora presa e sarà presa solo quando necessario. Ha sottolineato che se la Russia invaderà il Paese, la “comunità internazionale democratica” si vendicherà con severe sanzioni.

A Pyotr Mல்லller, portavoce del governo polacco, è stato chiesto cosa stesse facendo il governo polacco di fronte a una situazione molto negativa che si stava aggravando oltre il nostro confine orientale.

In primo luogo, ci concentriamo sulla corretta difesa dell’Ucraina, perché un’Ucraina sicura e una Polonia sicura Il portavoce del governo ha risposto.

Ecco perché noi e molti dei nostri alleati abbiamo deciso di sostenere il governo ucraino con equipaggiamento militare e altri rifornimenti necessari, al fine di prevenire un possibile attacco dalla Russia. – Aggiunto.

La seconda questione, ha detto, era inviare un chiaro segnale alla Russia che, in caso di attacco, “l’intera comunità democratica internazionale” risponderà “con un embargo vago, molto negativo che colpirà gravemente la Russia”.

Kiev è pronta ad abbandonare le aspirazioni della NATO? Confusione nelle parole dell’Ambasciatore dell’Ucraina

A Mல்லller è stato anche chiesto delle lettere che chiedevano ai funzionari del governo locale di fornire un elenco di rifugi per i rifugiati dall’Ucraina. Il vicepresidente del Sejm, Ryszard Terlecki, ha affermato domenica in un’intervista con Dziennik Polski che “i funzionari del governo locale sono” obbligati a fornire (…) un elenco di strutture che possono fungere da rifugi temporanei per i visitatori”. Ha aggiunto che un milione di persone dovrebbe venire in Polonia.

READ  Corona virus nel mondo. Controlli epidemici nei singoli paesi - quando sono richieste certificazioni e test

In una situazione come quella attuale, il portavoce del governo ha sottolineato che “occorre considerare scenari diversi”. Come sottolinea, se è vero il contrario, “dobbiamo tenere conto della migrazione di persone dall’Ucraina”.

Una scena del genere dovrebbe essere disegnata, tuttavia speriamo che non si realizzi – Egli ha detto. Tuttavia, il portavoce del governo non ha detto quante persone la Polonia sarebbe disposta ad accettare. Come ha spiegato, non voleva provocare “emozioni extra negative”. Al momento, stiamo esplorando quali sono le possibilità dei singoli enti locali – Aggiunto.

Gli oligarchi ucraini lasciano il Paese su aerei privati

È stata anche posta la domanda se la Polonia avrebbe seguito l’esempio poiché altri paesi avrebbero ritirato i loro diplomatici dall’Ucraina. Mller ha risposto che al momento non era stata presa una decisione del genere.

Quando eravamo a Kiev, abbiamo dato un chiaro segnale che tali decisioni sarebbero state prese quando necessario – Egli ha detto. Come ha aggiunto, L’Ucraina ha molti poli, quindi le missioni diplomatiche svolgono un “ruolo molto importante” in questo paese.

Alla domanda se la Polonia stia valutando la possibilità di invitare i suoi cittadini a lasciare l’Ucraina, un portavoce del governo ha risposto. C’è un messaggio ora che non dovresti andare in questo paese a meno che non sia necessario.

Se qualcuno vuole lasciare l’Ucraina, è una decisione personale. Dobbiamo anche notare che molti polacchi vivono in Ucraina. Non è che stiano lì temporaneamente Lo ha detto il portavoce del governo.

Per settimane Le forze russe sono concentrate al confine con l’Ucraina. Queste azioni sollevano serie preoccupazioni nei paesi occidentali, i cui leader ritengono che l’operazione militare del paese sia in pericolo. Mosca afferma di non avere piani del genere, mentre esorta gli Stati Uniti e la NATO a non estendere l’alleanza all’Ucraina ea ritirare le sue infrastrutture “dai confini della Russia”.

READ  L'Italia sospende i finanziamenti per il terminale russo Arctic GNL 2

A causa delle crescenti tensioni nella regione, i governi di Italia, Paesi Bassi, Belgio, Svezia e Spagna hanno chiesto il ritiro dell’Ucraina e il rimpatrio dei loro cittadini. Notizie simili sono già state pubblicate dai governi. Stati Uniti, Regno Unito, Lettonia, Norvegia, Giappone, Canada e Israele.

Sabato, per la quarta volta dall’inizio della crisi, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente russo Vladimir Putin hanno parlato al telefono. L’amministrazione americana ha affermato che l’intervista è stata “puntuale e professionale” ma “non ha cambiato le dinamiche di base della situazione che osserviamo da settimane”. In un’intervista domenicale con la CNN, il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jack Sullivan lo ha sottolineato. Un attacco all’Ucraina potrebbe avvenire in qualsiasi momento – Durerà fino al 20 febbraio la prossima settimana e dopo le Olimpiadi.

Sindaco di Kiev: siamo pronti al peggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.