Elon Musk: Neuralink restituirà la vista ai ciechi

Elon Musk annuncia un altro risultato legato alla tecnologia Neuralink. Questo progetto salverà non solo i paralizzati, ma anche i ciechi. Una rivoluzione in medicina o un’altra promessa irrealistica?

Elon Musk Sono anni che prometto altri miracoli legati ai progetti Neuralink, mancato rispetto delle scadenze successive. esattamente È stato presentato il primo paziente a cui è stato impiantato un chip nel cervello Può controllare il computer con i suoi pensieri. Sebbene questa soluzione abbia ancora molta strada da fare, piena di ricerche e miglioramenti in termini di sicurezza, Musk ha già annunciato che Neuralink cambierà presto la vita dei non vedenti.

Elon Musk: Neuralink restituirà la vista ai ciechi

Neuralink avrebbe dovuto rappresentare una svolta nel 2021. Ma solo ora Elon Musk ha mostrato il primo paziente con un chip nel cervello. Il miliardario cresce. Si scopre che la tecnologia Aiuterà i ciechi a vedere. Ha rivelato che la soluzione “Blindsight” è già in fase di sperimentazione sulle scimmie.

Musk ha indicato che i ciechi riacquisteranno la vista, anche se all'inizio ci vorrà del tempo Immagine a bassa risoluzione, come la grafica di una vecchia console Nintendo. Ma la cosa più importante è che ti aiuterà a vedere grazie al chip impiantato nel cervello.

Naturalmente è necessaria la sperimentazione sugli animali. Ecco, Musk potrebbe essere nei guai. È stato recentemente rivelato che a causa dei ritardi nello sviluppo di Neuralink, aveva ordinato di accelerare il processo di sviluppo e test sugli animali, dei quali “secondo quanto riferito, sarebbero morti a dozzine”. Il miliardario di SpaceX conferma su Twitter che nessuna scimmia è morta o è stata ferita a causa della tecnologia Neuralink.

READ  Impara il polacco in Germania. Alla fine i soldi sono arrivati ​​- DW - 23.03.2024

Neuralink non è l'unico progetto come questo

La concorrenza non dorme mai. Come riporta Polsat News, Blackrock Neurotech, con sede nello Utah, ha impiantato il primo di numerosi impianti cerebrali nel 2004. Inoltre, la sua tecnologia non richiede un intervento chirurgico invasivo.


Foto di Elon Musk
Fotografia: Ibrahim Norouzi/Associated Press/East News

Esperimenti simili sono stati condotti per più di un decennio presso la Harvard Medical School, testando varie configurazioni di interfacce cervello-macchina (BCI) e interfacce cervello-macchina (CBI). I medici della Ohio State University hanno già collegato il sistema nervoso umano a una macchina. Hanno creato un ponte neurale – un sostituto tecnologico del sistema nervoso – per Ian Burkhart, che soffre di quadriplegia.

Per saperne di più: Il lato oscuro di Elon Musk. È un pericolo per il mondo?

È interessante notare che lo ha detto Kip Ludwig, ex direttore del Programma di Neuroingegneria presso il National Institutes of Health degli Stati Uniti Ciò che Neuralink ha dimostrato non è stata una “svolta decisiva”. “Il post-impianto è ancora molto presto e c'è molto da imparare sia per Neuralink che per il paziente per aumentare la quantità di informazioni necessarie per massimizzare il controllo”, ha osservato.

I nostri redattori lo consigliano

Il futuro di Elon Musk. Come funziona il chip Neuralink?

Come funziona la telepatia Neuralink? Come spiega O2.pl: “Il dispositivo principale e 64 fili con un diametro inferiore a quello di un capello umano sono stati installati nel cervello delle persone che hanno accettato di partecipare all’esperimento”. I cavi hanno infine lo scopo di registrare i segnali inviati dal cervello e trasmetterli in modalità wireless. Il segnale andrà a un'applicazione che ti consente di controllare, ad esempio, un telefono o un computer con i tuoi pensieri. Musk ha annunciato che il dispositivo si chiamerà Telepathy.

Dispositivo wireless Neuralink Ha lo scopo di esaminare la presenza di specifici impulsi nervosi e nervosi nei pazienti. I primi partecipanti al chip test sono persone che non riescono a controllare il movimento della mano o che hanno perso questa capacità a causa di malattie neurologiche. Come annunciato dal miliardario, le apparecchiature innovative mirano a contribuire a curare anche malattie gravi come la schizofrenia e l'autismo, ma molti scienziati ne dubitano. Inoltre, nel 2019, il neuroscienziato Randy Bruno della Columbia University ha messo in dubbio la capacità di Neuralink di fornire un potere intellettuale così potenziato. I neuroni funzionano semplicemente a una certa velocità e non possiamo cambiarla.

Fonte: Planeta.pl, Neuralinkil futuro, Zeit Radio

Grazie per aver letto l'articolo fino alla fine. Rimani informato! Metti mi piace alla nostra pagina su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto