Sconfitta agli europei Henrik Kasperczak sa perché le cose vanno male in Polonia



Newspix/Krzysztof Porebski/PressFocus/Nella foto: Henryk Kasprczak

Bogomil Burchik


Dopo l’uscita della Polonia da Euro 2024, Henrik Kasperczak ha riassunto la nostra rosa. – Ha avuto un brutto aspetto ultimamente. Ci siamo messi in imbarazzo. Il progetto sta andando nella giusta direzione, ma siamo ancora nella media – dice il leggendario allenatore della WP SportoweFakty.

Guarda Euro 2024 su WP Pilot [reklama].
Doveva essere bellissimo e si è rivelato come sempre. I polacchi non hanno ancora iniziato la terza partita della fase a gironi e hanno già perso anche le matematiche possibilità di qualificarsi alla fase a eliminazione diretta, purtroppo come prima squadra dell’intero torneo. Ad esempio, i georgiani, inferiori nel girone, hanno ottenuto risultati migliori di noi, il che è qualcosa su cui riflettere. La difficoltà dei gironi in cui si affrontano le due squadre non può essere un’attenuante.

Innanzitutto è stato a causa della nostra prestazione deludente contro l’Austria. A volte i polacchi non sembravano voler uscire dal gruppo. – Ho annunciato con ottimismo che abbiamo la possibilità di battere gli olandesi e gli austriaci, ma per i francesi sarà più difficile. Tuttavia, il calcio può essere perverso. Forse sarà il contrario e batteremo la Francia – dice Henryk Kasperczak, 61 volte rappresentante della Polonia e medaglia di bronzo ai Campionati del mondo del 1974.

Possiamo però guardare con ottimismo al caos generale che circonda la Nazionale. Abbiamo una squadra giovane e sta avvenendo un cambio generazionale. L’ambizione non manca, cosa che non si può dire dell’esperienza e dell’efficacia nelle azioni offensive. Tuttavia, è difficile nascondere il fatto che il nostro eroismo in definitiva è debole. “Siamo stati rapidamente eliminati perché ci mancava la cosa più importante, ovvero i risultati positivi”, aggiunge.

READ  41esima vittoria di Stefan Kraft, 12esima di Piotr Schiela

Guarda il video: “Live from the Euro”. Listkiewicz non aveva scrupoli. “Due” sono scesi ai polacchi

Mentre l’Olanda ha dominato le statistiche della partita contro i Bianchi e i Rossi, la partita contro l’Austria è stata piuttosto equilibrata. Tuttavia, gli avversari hanno tirato in porta ben nove tiri in porta, di cui solo tre provenienti dai polacchi, che si sono rivelati decisivi.

Abbiamo avuto occasioni da gol in entrambe le partite, ma non siamo riusciti a sfruttarne molte. Ci aspettiamo che i polacchi migliorino nella formazione offensiva. Anche la Francia ha difficoltà a portare a termine le procedure e noi siamo simili a questo riguardo. È solo che, a differenza di noi, i nostri concorrenti stanno facendo molto meglio in difesa. Il Tricolore non ha ancora perso un solo gol. Le partite di Euro 2024 sono molto combattute. Difficile trovare una partita in cui una delle due squadre non si scontri e la partita sarebbe dolorosamente a senso unico – sottolinea il nostro interlocutore.

“È stato imbarazzante”


Tuttavia, le prestazioni di alcuni giocatori possono essere simpatiche. Il più grande vincitore di Euro 2024 è Kacper Urbański, che, nonostante avesse solo 19 anni, ha mostrato il suo lato buono contro l’Olanda e ha segnato diversi dribbling riusciti. Anche il pilastro della Nazionale, Nikola Zalewski, non ha deluso.

Ma mancava la cosa più importante: i punti. – Non possiamo certo sfuggire al fatto che il risultato del torneo è pessimo. Il finale spiega il significato. Non è sempre necessario vincere bene, è importante farlo. Abbiamo subito cinque gol e non abbiamo segnato nessun punto. Rendiamo omaggio ai polacchi perché sappiamo cosa è successo due mesi fa. È stato imbarazzante e non abbiamo paura di dirlo. Ricordiamo il calvario delle qualificazioni e, soprattutto, l’imbarazzo patito a Chisinau contro la Moldavia. La squadra che Probierz sta costruendo ha buone prospettive. Il miglioramento si vede – spiega la medaglia d’argento olimpica del 1976 di Montreal.

READ  40 La migliore casco bicicletta del 2022 - Non acquistare una casco bicicletta finché non leggi QUESTO!

– La gente ha iniziato ad amare la nazionale. I giocatori stanno facendo progressi e sicuramente continueranno questo processo nei loro club. Guardando al sistema internazionale siamo nella media. Dal punto di vista europeo, siamo una nazione di circa 40 milioni di persone. Possiamo fare qualcosa di forte in Polonia, ma senza fare affidamento sugli attori locali. Siamo costretti a basare il progetto su coloro che lasciano il Paese per svilupparsi. Ci stiamo muovendo nella direzione giusta, contrariamente alle apparenze direi che è una buona cosa. Ci vuole tempo per mettere tutto insieme. Poi ha continuato: “Sto guardando, ovviamente, dal punto di vista dei giocatori che giocano all’estero”.

Ostacola lo sviluppo del calcio polacco


Un grosso problema per il calcio polacco è il caso del PKO Ekstraklasa. Le principali squadre locali a volte hanno problemi a qualificarsi per le coppe europee. Anche se ci riescono, di solito vengono eliminati dai turni di qualificazione o dalla fase a gironi. L’eccezione della scorsa stagione è stata il Legia Varsavia, eliminato agli ottavi di finale della Conference League dai norvegesi del Molde.

– Purtroppo se guardiamo alle competizioni locali è molto peggio. In realtà ho voglia di piangere. La verità è che non puoi migliorare giocando ogni giorno nel PKO Ekstraklasa. Non puoi saltare un certo livello perché l’ambiente circostante è importante. Sono ottimista riguardo ai nostri giovani talenti che giocheranno all’estero, perché le loro condizioni di lavoro sono molto diverse. Si allenano con giocatori eccellenti e dotati tecnicamente, ad esempio in Germania o in Italia. Sottolinea che anche lì l’idea di formazione è diversa.

Faremo un gran rumore? Parole ottimistiche


Prima della partita contro la Francia, i polacchi furono condannati a morte. Kasperczak non è del tutto d’accordo. – Non si può dire che la nostra squadra non abbia un punto di partenza prima della partita d’onore. Giochiamo anche velocemente, possiamo accelerare e creare occasioni. Se miglioriamo la nostra efficacia e supportiamo il tutto con un buon gioco da dietro, diventeremo un avversario scomodo. D’altro canto i francesi potrebbero anche giocare meglio in attacco rispetto a quanto fatto finora. Questo è qualcosa di cui dovremmo avere molta paura. Dobbiamo però sperare che entrambe le squadre migliorino in questo aspetto, perché poi assisteremo ad una partita emozionante. La Francia ha qualcosa per cui lottare. In gioco c’è il primo posto nel girone. Cercheremo di salutarci con dignità e potremo giocare tranquilli – spiega l’ex ct delle nazionali di Mali, Senegal e Tunisia.

READ  La semifinale della Coppa delle Nazioni Europee sarà ospitata da un arbitro sospeso per corruzione. Billingham ne aveva già parlato una volta

– Il problema più grande è il numero di buoni giocatori. Ce ne sono semplicemente troppo pochi in Polonia. I francesi potrebbero tranquillamente schierare un trio, o anche un quattro, composto da giocatori che militano nei massimi campionati. Non ce l’abbiamo. Ci sono 25 giocatori e l’allenatore ha paura che nessuno di loro si infortuna, perché poi non ci sarà nessuno a sostituirli. D’altro canto, i rivali potrebbero perdere temporaneamente Kylian Mbappe, ma rappresentano comunque una Francia pericolosa. Hanno potenziale offensivo. Lo sostituiranno semplicemente con qualcun altro e non ci sarà alcuna evidente perdita di qualità. Purtroppo questo ci manca – riassume Henrik Kasprczak.

Bogomil Burchik, giornalista della WP SportoweFakty

Guarda anche:
– È molto deluso dall’atteggiamento dei polacchi. Indicò subito il nome
– Il tester ha sbagliato i calcoli ed è per questo che la Polonia ha perso? “Ha sorpreso ancora di più la nostra squadra.”
Guarda le partite della nazionale polacca su Pilot WP (link sponsorizzato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto