Italia: apre il nuovo Museo d’Arte Contemporanea Il ritardo nella costruzione è di 52 anni

Secondo un progetto elaborato da Franco Russoli, direttore della Pinacoteca di Brera negli anni ’70, il Museo Brera Moderne sarebbe stato ospitato nel settecentesco Palazzo Citerio a Milano. Negli ultimi anni l’edificio è stato ristrutturato per prepararsi alla tanto attesa apertura della galleria.

La collezione è composta da più di 100 opere d’arte contemporanea. Viaggeranno dalla Pinacoteca di Brera, fondata nel 1809 e situata a pochi isolati di distanza, a Palazzo Citerio.

Le risorse della Pinacoteca di Brera comprendono opere di famosi artisti del passato come Antonio Canova, Caravaggio, Rafael Santi e Francesco Hayez. Purtroppo non c’è abbastanza spazio per le opere degli artisti contemporanei, motivo per cui fino ad oggi sono state conservate nei magazzini dei musei. Per questo motivo si è reso necessario creare una galleria separata, contenente solo opere d’arte contemporanea.

L’inaugurazione ufficiale di Brera Modern avverrà il 7 dicembre 2024. L’evento coincide con l’annuale gala della Scala, che dà il via alla stagione degli spettacoli del famoso teatro lirico milanese.

\n Pobierz teraz\n \n \n \n \n

\n \n\n\n\n\n \n\n\n \n \n \n \n \n \n \n “}]”>

Perché il museo di Milano è aperto solo adesso?

Negli ultimi cinquant’anni, gli ideatori del Museo Moderno di Brera e i loro successori si sono confrontati costantemente con nuovi problemi, rinviando di fatto l’apertura dell’istituzione. Gli ultimi problemi, fortunatamente evitati, riguardano la presenza di amianto nel Palazzo Citerio e problemi all’impianto di climatizzazione.

Dopo l’apertura di Brera Modern, la Pinacoteca di Brera prevede quest’anno un totale di mezzo milione di visitatori nelle due gallerie. Si prevede che il numero supererà l’affluenza alle urne pre-pandemia di quasi un milione di persone.

READ  Un tesoro per l’intelligence americana? L’Italia sequestra i droni cinesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto