Il primo Polo a presiedere la Federazione europea delle Accademie delle scienze

Il Ministero della Scienza e dell’Istruzione Superiore ha confermato in una dichiarazione sul suo sito web che il Prof. Dr. Paweł Rowiński è il primo polacco nella storia a guidare l’Associazione europea delle accademie delle scienze (ALLEA – All European Academies). La scienziata polacca ha ricevuto i complimenti dal vicedirettore del Ministero della Scienza Maria Mrovczynska.

Chi è il professore? Paolo Rowinski?

“L’elezione del professor Pawel Rowinski a presidente dell’Unione europea delle accademie delle scienze rappresenta un grande onore per la comunità scientifica polacca e dimostra la riconosciuta posizione scientifica e il riconoscimento internazionale del professore. Spero che venga eletto uno scienziato polacco Una posizione onorevole”, ha affermato Maria Mrovczyńska, citata dalla dichiarazione del Ministero della Scienza. Ciò consentirà una più ampia rappresentazione dei risultati del lavoro di ricerca e dei progetti di sviluppo realizzati nel nostro Paese e aumenterà le nostre capacità nel plasmare l’istruzione, l’istruzione scientifica e l’istruzione superiore europea. politica.

Il professor Rowinski ha sottolineato che le attività dell’ALLEA non coprono solo l’Unione europea, ma di fatto l’intero continente europeo. “Non esiste un’organizzazione simile in Europa in termini di organizzazione della scienza, e questa è la sua principale forza”, ha sottolineato.

ALLEA dispone anche di un folto gruppo di esperti, ha aggiunto Rowinski. “La Federazione riunisce le accademie delle scienze – le organizzazioni più elitarie di ogni paese, sia che si parli dell’Accademia tedesca dei naturalisti Leopoldina, della Royal Society di Londra o della nostra Accademia polacca delle scienze. Riunisce i migliori esperti e spesso anche istituti e comitati scientifici”, ha osservato Rowinski. Dietro c’è la migliore base di esperti immaginabile in Europa e ha un’enorme influenza sulla definizione della politica scientifica.

READ  Carbone polacco. Depositi di carbone in Polonia, estrazione mineraria e quantità

Secondo lui l’elezione del rappresentante della scienza polacca alla presidenza rappresenta un’opportunità per rafforzare la voce polacca nel dibattito sullo stato della scienza in Europa. “Quando si tratta di formulare la politica a livello europeo, abbiamo la possibilità di dare la nostra voce, a condizione che collaboriamo con i dirigenti in Polonia. Qui posso essere il mediatore, tra gli altri, con i rappresentanti “, ha affermato Rowinski: “Come membro del Parlamento europeo, “ho anche un maggiore accesso alle informazioni quando si tratta di cooperazione con paesi extraeuropei”.

Lo scienziato ha osservato che il nucleo di organizzazioni come ALLEA “sono sempre stati i paesi della vecchia Europa, e attualmente possiamo costruire un ponte tra i paesi situati più a est o a sud del nostro continente”.

Paolo Rowinski Ha completato gli studi di matematica presso l’Università di Varsavia e ha conseguito il dottorato e l’abilitazione nel campo delle scienze della Terra con specializzazione in geofisica presso l’Istituto di Geofisica dell’Accademia Polacca delle Scienze. I suoi interessi scientifici ruotano attorno all’idrodinamica ambientale, ai metodi statistici in idrologia, all’analisi intelligente dei dati e al cambiamento climatico. È stato Responsabile del Gruppo Interdisciplinare per la Cooperazione Internazionale presso il Ministero della Scienza e dell’Istruzione Superiore nel periodo 2011-2015. Negli anni 2015-2022 è stato vicepresidente dell’Accademia polacca delle scienze. Nel 2022 è stato eletto Presidente del Consiglio di amministrazione del capitolo europeo dell’Associazione internazionale per l’ingegneria e la ricerca sull’acqua e l’ambiente (IAHR). Dallo stesso anno diventa anche membro del Consiglio di Amministrazione del Network Europeo SAPEA Academy. Nel 2023 (per la seconda volta) ha assunto l’incarico di Direttore dell’Istituto di Geofisica dell’Accademia Polacca delle Scienze. Dal 1° giugno di quest’anno è presidente dell’Associazione europea delle accademie delle scienze (ALLEA).

READ  La NASA testa nuovamente con successo i motori dello stadio primario del razzo lunare dopo un errore

Cos’è ALLEA?

Associazione Europea delle Accademie delle Scienze (ALLEA) È una delle organizzazioni scientifiche più importanti d’Europa. Comprende circa 60 accademie delle scienze e società scientifiche provenienti da più di 40 Stati membri del Consiglio d’Europa. È anche una delle istituzioni più importanti che fornisce consulenza scientifica alla Commissione Europea.

La missione di ALLEA – secondo il Ministero della Scienza e dell’Istruzione Superiore – è costruire la cooperazione tra le accademie dei singoli paesi, sostenere la conduzione e la pubblicazione della ricerca scientifica, nonché la cooperazione con la Commissione Europea e le autorità dei singoli paesi.

“Questo compito viene svolto, tra l’altro, facilitando lo scambio di informazioni tra le accademie, svolgendo compiti consultivi ed elaborando proposte di politica scientifica per i governi, l’Unione Europea e le organizzazioni nazionali e internazionali”, si legge nel comunicato stampa della Ministero della Scienza e dell’Istruzione Superiore.

ALLEA persegue i suoi obiettivi sulla base di gruppi di lavoro, i cui studi vengono pubblicati e distribuiti alle accademie, ai politici e ai diversi gruppi sociali membri. La Polonia è rappresentata in ALLEA dall’Accademia polacca delle scienze e dall’Accademia polacca delle scienze.

La Federazione Europea delle Accademie delle Scienze è un importante organo consultivo per la Commissione Europea, il Parlamento Europeo e i governi dei paesi dell’UE, nonché per i governi dei paesi che hanno problemi legati alla democrazia e alla libertà di ricerca scientifica.

READ  Ucraina. Gli strumenti più antichi d'Europa. La loro età era nota grazie all'orologio cosmico

ALLEA svolge, tra l’altro, una funzione consultiva: nel campo della regolamentazione della scienza, anche attraverso la formazione dei programmi quadro dell’UE, ovvero “Orizzonte Europa”. L’area consultiva di ALLEA comprende anche questioni di scienza aperta, uguaglianza, diversità e integrazione (EDI) nella scienza e argomenti relativi alle sfide sociali più importanti del mondo, ad esempio la rivoluzione tecnologica, il cambiamento climatico e i problemi alimentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto