Il governo Fico ha liquidato i media pubblici e ha citato l’esempio della Polonia

Di fronte al palazzo del Parlamento I dipendenti della raffineria hanno protestato. L’opposizione ha lasciato l’aula dopo la discussione e prima della votazione. La sua valutazione della situazione è condivisa da un comitato di sciopero composto da dipendenti e collaboratori della RTVS.

Nuova istituzione

Verrà costruita una struttura al posto della struttura in liquidazione Televisione e radio slovacca (STVR).

Esempio Polonia

Lo ha affermato il ministro della Cultura Martina Zemkovicova nella sua giustificazione davanti ai parlamentari RTVS ha gradualmente perso la sua obiettività e ha mancato di equilibrio di opinioni. Mi sono ricordato due volte L’esempio della Polonia e le decisioni prese dal Sejm dopo le elezioni del 15 ottobre 2023 sui media pubblici Lui ha detto che in quel momento in Slovacchia non c’erano voci sulla violazione della democrazia.

Legge STVR

Legge STVRcosì come le modifiche al diritto penale slovacco, rientrano tra queste misure del governo Roberto FicaIl che ha causato un forte conflitto tra la coalizione di governo e l’opposizione.

Il progetto ha anche sollevato cambiamenti nei media pubblici Frequenti le manifestazioni antigovernative. Giovedì pomeriggio è iniziata una marcia di protesta di giornalisti e dipendenti della radio e della televisione dalla sede della radio al palazzo del Parlamento.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

“Regolamentazione” dei media

L’opposizione sottolinea che la legge RTVS lo è L’inizio del processo di “organizzazione” del mercato dei media Egli avverte che anche i media privati, come in Ungheria, potrebbero perdere la loro indipendenza. In questo contesto si menziona la più grande emittente privata, TV Marchesa, dove si è verificata una controversia tra giornalisti e la direzione della redazione di Stampa e Media. Secondo i media slovacchi anche i redattori del popolare quotidiano Pravda lamentano l’ingerenza della direzione nel loro lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto