Il Consiglio Scientifico dell’Istituto di Belle Arti dell’Accademia Polacca delle Scienze ha revocato il dottorato di ricerca a Jacek Bartusiak

Il consiglio scientifico dell’Istituto di studi politici dell’Accademia polacca delle scienze ha revocato il dottorato a Jacek Bartosiak. Una dichiarazione in merito è stata pubblicata venerdì sul sito dell’istituto. Bartosiak è un esperto nel campo della geopolitica e della sicurezza e autore di libri.

“L’amministrazione dell’Istituto di studi politici dell’Accademia polacca delle scienze riferisce che il 14 giugno 2024 il consiglio scientifico dell’Istituto di studi politici dell’Accademia polacca delle scienze ha adottato una risoluzione che riconosce l’invalidità della decisione di assegnare un dottorato al signor Jacek Bartosiak”, si legge nel sito web dell’Istituto di studi politici dell’Accademia polacca delle scienze. Nel frattempo non sono state fornite ulteriori informazioni.

Da più di un anno nella comunità accademica si discute sulla possibilità di plagio nella tesi di dottorato dell’avvocato Jacek Bartosiak.

Secondo Gazeta.pl, la base per la decisione di annullare il dottorato di Jacek Bartosiak sono state le opinioni degli esperti: Dr. hab. Tomasz Kaminski dell’Università di Lodz, Ph.D. hab. Lukas Federik dell’Università Jagellonica e l’avvocato Dr. hab. Mateusz Boschocki dell’Accademia polacca delle scienze. Sono diventati membri del comitato nominato dalla PAN dell’ISP nell’ottobre 2023.

“Gazeta.pl ha appreso ufficiosamente che il parere legale del dottor Happ è considerato decisivo. Błachucki, in cui è dimostrato che Bartošiak attribuisce a se stesso parti significative del lavoro di qualcun altro e quindi sono soddisfatte le condizioni di cui all’articolo 195 della Legge sull’istruzione superiore e sulle scienze. Si tratta di “dichiarare non valida la decisione di conferire un dottorato”, si legge in un post sul sito Gazeta.pl. Gli autori dell’articolo sottolineano che le perizie formali degli esperti non possono ancora essere pubblicate perché richiedono il consenso di tutte le parti coinvolte nel procedimento per motivi di protezione dei dati personali.

READ  Servizi logistici e consulenza professionale. Incontriamoci #aGdynia

Jacek Bartosiak lo ha sottolineato in un post su Platform X.

“Non c’è un solo pezzo del lavoro di qualcun altro nel mio dottorato, la cui paternità non è stata indicata. Ovviamente non ho evitato errori, ma non sono stati il ​​risultato di azioni mirate al plagio hanno mantenuto le loro valutazioni positive: il Prof. Bogdan Goralczyk, il Prof. Stanislav Koszej e il Professor Hubert Krolikowski Durante le procedure, il mio lavoro è stato valutato favorevolmente dal Professor Thomas Gross”, ha scritto Bartosiak.

Ha anche criticato il modo in cui il caso è stato gestito dall’ISP PAN. “Il modo in cui il caso viene gestito dall’ISP PAN e l’intera situazione solleva serie preoccupazioni sul funzionamento del sistema di istruzione superiore polacco. Vi assicuro che ciò sarà controllato dal Consiglio per l’eccellenza scientifica e, se necessario, da un organo amministrativo tribunale”.

Michal Bejczyk, avvocato dell’Università Napier di Edimburgo, è stato il primo a denunciare la possibilità di plagio. Un anno fa, ha mobilitato un gruppo di studiosi per leggere gli ultimi capitoli della tesi di dottorato di Bartosiak e confrontarli con varie fonti in lingua inglese. Tutta la storia è stata descritta dettagliatamente nel giugno 2023 da Gazeta Wyborcza. Piegzik ha anche postato sulla piattaforma X dopo aver pubblicato informazioni sulla revoca del dottorato di ricerca di Bartosiak.

“Dovrebbero essere pubblicate tre perizie di fondamentale importanza per il procedimento ISP PAN (due nel campo delle scienze politiche e una in diritto) al fine di verificare la tesi se Jacek Bartosiak si sia attribuito la paternità di parti significative di lavori scientifici altrui risultati della ricerca e, se sì, in che misura” – ha scritto Pegzik.

READ  Sarti molecolari cuciono fiocchi di neve su scala nanometrica per creare celle solari più efficienti

Ha aggiunto che le sue analisi si basavano sulle prove fornite dallo stesso Bartosiak. “La prova che mi sono state attribuite parti importanti delle scoperte scientifiche di altri è stata fornita dallo stesso Jacek Bartosiak in un gruppo online con più di 30.000 membri”, ricorda Bejczyk.

Lo scienziato non esclude che i suoi calcoli sulla percentuale di plagio nella tesi di dottorato di Bartosiak siano stati sottostimati.

“Anche se Jacek Bartosiak ha lasciato il suo caso davanti al tribunale, le prove che ho presentato sono il risultato di soli tre mesi di lavoro e possono essere ampliate per includere altre pagine di tabelle comparative con la partecipazione di altri esperti”. grado di conformità della tesi di dottorato di Jacek Bartosiak con i lavori scientifici L’altro è più alto di quello che ho presentato nelle mie conclusioni”, ha scritto Pegzik.

Autore: Urszula Kaczorowska

Regno Unito / bar /

La Fondazione PAP consente la ristampa gratuita degli articoli dal sito web Nauka w Polsce, a condizione che ci informiate via e-mail una volta al mese sull’utilizzo del sito web e forniate la fonte dell’articolo. Sui portali e sui siti web si prega di includere il seguente link: Fonte: Naukawpolsce.pl, e nelle riviste, spiegazioni: Fonte: Nauka w Polsce – Naukawpolsce.pl. Il permesso di cui sopra non si applica a: informazioni della categoria “Mondo” ed eventuali fotografie e materiale video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto