I giovani polacchi non vogliono allontanarsi dai loro genitori. 1,7 milioni di puzzole sono uccelli nidificanti

In Polonia nel 2022 avevamo un gruppo molto numeroso di persone che vivevano ancora con i genitori. I dati dell’Ufficio centrale di statistica mostrano che si tratta di una persona su tre di età compresa tra 24 e 34 anni. Tra i cosiddetti nidiacei, il 63% sono maschi.

Nel 2022 erano 1,7 milioni le persone tra i 25 e i 34 anni Il cosiddetto altriziale, cioè hanno vissuto con i genitori e non hanno formato una famiglia propria – secondo i dati forniti dall’Ufficio centrale di statistica. Sono il 33%. In tutte le persone di questa fascia di età. La maggior parte di loro viveva in provincia. Al secondo posto si sono classificate Świętokrzyskie, Podkarpacie con il 41% e la regione di Lublino. Lì la percentuale di nidi è del 39%. D’altra parte ci sono i seguenti voivodati: Masovia, Pomerania e Bassa Slesia, la cui quota non supera il 30%.

I giovani hanno maggiori probabilità di restare con i genitori

L’analisi di un gruppo chiamato Nesters mostra che nel 2022 il 63% perché l’intero gruppo è di sesso maschile. Il restante 37% sono donne. Inoltre, il 6% del gruppo totale e il 31% erano disoccupati e professionalmente inattivi. Gli uomini avevano maggiori probabilità di essere occupati e disoccupati rispetto alle donne. Tra gli uomini che vivono con i genitori, il 65% aveva un lavoro, il 7% cercava lavoro, mentre tra le donne il 60% lo cercava. e 6%. Tuttavia, la buona notizia è che il numero dei nidi sta diminuendo. Rispetto al 2018, la loro popolazione è diminuita di 0,3 milioni di persone (ovvero del 15,5%).

“Nel 2022, la percentuale di uomini che sono nester (cioè che vivono con i genitori) sarà del 63%, mentre per le donne sarà del 37%. Questa disparità aumenta con l’età. Sono 1.700.000 persone” – riporta la ricerca X mbank sito web. .

READ  40 La migliore garcinia cambogia del 2022 - Non acquistare una garcinia cambogia finché non leggi QUESTO!

I dati dell’Ufficio centrale di statistica mostrano che la quota di nidi varia in base all’età e al sesso. Considerando l’intero gruppo (uomini e donne insieme), la percentuale scende al 56% per i 25enni e al 19% per i 34enni. La situazione è però molto diversa se si considerano solo gli uomini. Ci sono 136 uomini ogni 100 donne di 25 anni e 202 uomini ogni 100 donne di 34 anni. Aumenta quindi la disparità tra uomini e donne.

Chi è un socio?

L’Ufficio centrale di statistica definisce un nester come una persona di età compresa tra 25 e 34 anni che vive con i genitori, non ha un coniuge e non è automaticamente un genitore. La popolazione della coorte non includeva divorziati, vedove o vedovi. È importante sottolineare che l’Ufficio di presidenza ha utilizzato indirizzi residenziali, non indirizzi registrati, per condurre l’indagine.

Fonte fotografica principale: Shutterstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto