Tu sei qui
Home > Politica > Cacciatore: “Istituti scolastici in stato di abbandono, e totale disinteresse”

Cacciatore: “Istituti scolastici in stato di abbandono, e totale disinteresse”

Successivamente alla nomina, avvenuta nel mese di novembre 2020, unitamente al coordinatore Messina, abbiamo dato voce ai cittadini, ascoltando le loro problematiche e con grande spirito umano e di iniziativa abbiamo delineato soluzioni da suggerire agli amministratori pubblici. Nello specifico, in merito alla situazione strutturale degli edifici scolastici ed in particolare di quelli di Porto Empedocle, ho avuto modo di verificare personalmente lo stato di abbandono di alcuni istituti e di altri ho ricevuto notizie poco confortanti che nei prossimi giorni avrò modo di appurare”. Lo afferma la responsabile del dipartimento Scuola, Formazione ed istruzione, dell’Udc, Mariangela Cacciatore.

“Dagli incontri svolti con i vari responsabili di plesso è emerso il continuo e totale disinteresse da parte dell’amministrazione alle varie problematiche strutturali, sia all’interno che all’esterno degli edifici – continua -. Purtroppo nemmeno un progetto è stato presentato dall’amministrazione Carmina, nonostante le numerose Pec inoltrate dai responsabili di plesso nelle quali si evidenziavano le numerose criticità presenti negli istituti nei quali neanche la manutenzione ordinaria viene garantita. Nella fattispecie si evidenziano gravi infiltrazioni d’acqua, aule insalubri con presenza di muffa che hanno portato alla chiusura di alcune classi compresa un’aula di psicomotricità fondamentale per alunni che presentano disabilità. Discorso alquanto importante va sollevato anche per le aree limitrofe agli istituti scolastici che non sono fruibili a causa dei cordoli interni sollevati e pericolanti”.

“Il bando tanto pubblicizzato – conclude Cacciatore -, e divulgato tramite i social dalla Sindaca Carmina riguardante il finanziamento finalizzato alla realizzazione di investimenti che avrebbe permesso dopo anni il miglioramento delle condizioni di vivibilità nel quartiere di Ciuccafa e poi risultato essere non veritiero, prevedeva anche investimenti di messa in sicurezza ed efficientamento energetico per gli edifici scolastici. Avremmo preferito, certamente, meno pubblicità e più concretezza da parte di una Amministrazione che permette lo svolgimento delle lezioni nonostante vi siano palesi situazioni di pericolo anche della salute dei nostri figli. La programmazione viene prima di tutto, soprattutto quando si parla di strutture a servizio della collettività”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su