Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Spaccio di droga nel riberese, giudizio immediato per due fratelli

Spaccio di droga nel riberese, giudizio immediato per due fratelli

La Procura di Sciacca ha chiesto ed ottenuto il giudizio immediato per i fratelli Rached e Anis Khalfaoui, rispettivamente di 32 e 34 anni, finiti in manette lo scorso novembre nell’ambito di un’operazione antidroga, eseguita dai Carabinieri della Tenenza di Ribera, poichè accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La difesa ha avanzato istanza di rito abbreviato. Il processo comincerà il prossimo 19 marzo, davanti al Gup del Tribunale di Sciacca.

Nella stessa inchiesta è coinvolta anche Nicoleta Atomi, 20 anni, fidanzata di uno degli indagati. Gli imputati avrebbero gestito una fiorente attività di spaccio di eroina, cocaina, marijuana e crack, usando come base logistica la loro abitazione a Ribera. Al momento i fratelli Khalfaoui sono agli arresti domiciliari, mentre la Atomi è sottoposta all’obbligo di firma.

I militari dell’Arma nel corso del blitz hanno rinvenuto i proventi dell’attività di spaccio, sequestrando 12mila euro in banconote di vario taglio, contenuti in barattoli, sepolti in un terreno. I due fratelli una volta acquistato lo stupefacente a Palermo, lo trasportavano fino a Ribera, poi, si sarebbero occupati dello spaccio.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su