Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Omicidio in comunità agrigentina, assolto per incapacità di intendere e volere

Omicidio in comunità agrigentina, assolto per incapacità di intendere e volere

Assolto per incapacità di intendere e volere. Così hanno deciso i giudici delle Corte di Assise di Agrigento, presieduta da Wilma Angela Mazzara, a carico di Salvatore Italiano, 63 anni, di Ribera, accusato dell’omicidio del pensionato Gaetano La Corte, 75 anni, riberese, strangolato e ucciso nel sonno all’interno della comunità per disabili mentali di Ribera, in cui i due alloggiavano.

Anche il pubblico ministero Roberta Griffo, al termine della requisitoria, aveva chiesto l’assoluzione, alla luce delle perizie psichiatriche, che hanno attestato il vizio totale di mente. A carico di Italiano è stata disposta la misura di sicurezza del ricovero all’interno di una struttura sanitaria per la durata di 4 anni.

Italiano è difeso dall’avvocato Calogero Lo Giudice.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su