Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Accusati di minacce e lesioni ai vicini, assolti marito e moglie naresi

Accusati di minacce e lesioni ai vicini, assolti marito e moglie naresi

Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Antonio Genna, al termine del processo, ha assolto una coppia di coniugi naresi, A.S., 48 anni, e la moglie F.F., 47 anni, dai reati di violenza privata, minacce gravi, lesioni personali, e detenzione di strumenti atti ad offendere, portati in un luogo pubblico. Accolte le tesi difensive proposte dai legali difensori degli imputati, gli avvocati Giuseppe Vinciguerra e Ignazio Terranova.

La vicenda trae origine da contrasti condominiali. “Se tocchi l’acqua ti faccio un buco in testa”. È una delle frasi minacciose, che avrebbe rivolto il quarantottenne al vicino di casa. In un’altra occasione l’uomo, e la moglie, con un coltello da cucina, e una spranga, avrebbero prima minacciato l’uomo, e la coniuge. Poi si sarebbero avventati contro gli stessi, procurando loro dei traumi sparsi sul corpo.

Dopo la denuncia delle presunte vittime, la vicenda è approdata in un’aula di tribunale. La violenza privata – secondo l’accusa – si sarebbe concretizzata, nel momento in cui, il quarantottenne aveva manomesso la condotta idrica condominiale, tagliando un tubo, che serviva ad approvvigionare di acqua la famiglia “rivale”. Il giudice però ha assolto la coppia.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su