Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > La morte di 21enne riberese per overdose, pusher respinge le accuse

La morte di 21enne riberese per overdose, pusher respinge le accuse

Ha risposto alle domande, respingendo le accuse, Attilio Manisi, il 34enne, di Ribera, arrestato dai carabinieri della Compagnia di Sciacca, e della Tenenza riberese, con l’accusa di aver ceduto il metadone, causando la morte di A.C., un ventunenne suo concittadino. Lo ha fatto nel corso dell’interrogatorio di garanzia dinanzi al Gip del Tribunale di Sciacca, Antonio Cucinella.

Manisi deve rispondere di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, e morte come conseguenza di altro delitto. Il suo legale, l’avvocato Giuseppe Lo Giogo, ha chiesto la revoca della misura cautelare. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Michele Marrone, sono state avviate subito dopo la morte del 21enne per overdose, e in poco tempo hanno permesso di individuare lo spacciatore, che aveva venduto il metadone alla vittima.

Questo anche grazie all’esame del telefono cellulare del Manisi, dove è stato trovato uno scambio di messaggi, il cui contenuto inequivocabile faceva comprendere come, almeno sin da giugno di quest’anno, e fino al tragico epilogo del 9 novembre, avesse tra i suoi clienti A.C., a cui spacciava vari tipi di droga.

Il 34enne riberese è coinvolto anche in un altro procedimento penale, per furto di ricette, alla Guardia medica di Ribera.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su