Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > L’assessore regionale Falcone al Genio Civile incontra l’architetto La Mendola e il sindaco Miccichè

L’assessore regionale Falcone al Genio Civile incontra l’architetto La Mendola e il sindaco Miccichè

Si inserisce nel contesto di una serie di incontri istituzionali sul territorio Agrigentino, la presenza ieri dell’assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità, Marco Falcone al Genio Civile del capoluogo. Ad Accoglierlo il dirigente, l’architetto Rino La Mendola e il sindaco di Agrigento Franco Miccichè. “Oggi ho incontrato decine di sindaci – ha detto Marco Falcone – ed è sempre un privilegio per un rappresentante del Governo Musumeci perché dobbiamo e vogliamo essere serventi al territorio. Siamo qui per manifestare la nostra disponibilità alla nuova amministrazione e al sindaco Micciché”. Tanti gli argomenti al centro del confronto, a partire dalle incompiute. Rispetto alla situazione della statale Agrigento – Palermo, l’assessore Falcone l’Assessore ha ribadito che “La Agrigento-Palermo è per noi una spina al fianco; pare che finalmente la Cmc abbia riacceso i motori, se è così bene, altrimenti vada a casa. Abbiamo diffidato la ditta esecutrice anche per il completamento dei lavori dell’Agrigento-Caltanissetta”. Per quanto riguarda invece la città di Agrigento l’assessore ha annunciato: “Ci sono tante cose nel cassetto che riguardano i parcheggi e la riqualificazione urbana e, stasera, siamo qua per rappresentare la nostra disponibilità al sindaco Micciché”.

Inevitabile, durante l’incontro con i giornalisti presenti all’incontro, un passaggio sul viadotto Morandi: “Il viadotto sarà aperto al traffico veicolare leggero e, successivamente, a tutti i mezzi” e a chi gli ha chiesto i tempi di riapertura del Viadotto, Falcone ha risposto “Entro l’ottobre del 2021”. L’assessore Falcone è intervenuto anche in relazione alla realizzazione della tanto attesa strada Mare-Monti che ha definito “un fiore all’occhiello per la nostra provincia perché collega la zona dei Monti Sicani al mare. Questa – ha spiegato – è una strada di competenza statale ma ci siamo candidati con convinzione a farla noi perché siamo convinti che le nostre strutture amministrative possono fare tanto”. Falcone ha inoltre preso direttamente coscienza delle condizioni delle arterie stradali interne della nostra provincia realizzando un sopralluogo lungo le strade provinciali Sp24 e Sp35. “Sono strade – ha detto – estremamente dissestate che diventano delle vere e proprie mulattiere. Abbiamo voluto attraversarle perché un medico può curare bene un malato se lo visita”.

Nel corso dell’incontro, è intervenuto anche il Capo del Genio Civile, Rino La Mendola, che ha tracciato un bilancio delle attività svolte dall’Ufficio, nel corso del 2020.  “Nonostante quello appena trascorso sia stato necessariamente un periodo segnato dalla pandemia – ha affermato La Mendola – l’Ufficio è riuscito a raggiungere una serie di obiettivi in attuazione delle politiche per il territorio, adottate dal presidente Musumeci e dall’assessore Falcone. Tra le tante attività svolte, abbiamo censito lo stato di conservazione e di efficienza strutturale di ben 150 ponti ricadenti lungo le strade provinciali per consentire al Libero Consorzio e al nostro Assessorato la programmazione dei lavori per la messa in sicurezza del sistema infrastrutturale provinciale. In merito all’emergenza idrogeologica, abbiamo eseguito tredici interventi di manutenzione di altrettanti corsi d’acqua che attraversano il territorio provinciale. A settembre, in venti giorni, siamo riusciti a redigere il progetto e ad eseguire i lavori di pavimentazione delle strade agrigentine, consentendo alla Città dei Templi di ospitare, il 4 ottobre scorso, la fase finale della seconda tappa del Giro d’Italia. E ancora, la scorsa settimana abbiamo completato il bando per l’affidamento della progettazione esecutiva della strada Mare-monti, che collegherà i comuni della fascia centrale dei monti sicani alle Strade Statali 115 e 118. A questo si aggiunga la notevole semplificazione garantita attraverso l’adozione della piattaforma informatica “Sismica”, grazie alla quale oggi i tecnici possono presentare i progetti, direttamente dal proprio studio professionale, evitando code e assembramenti. Infine – conclude Rino La Mendola – abbiamo inserito nella programmazione della Regione una serie di lavori tra i quali, quelli per il restauro di Villa Genuardi, per il restyling del porticciolo di San Leone, per la ristrutturazione di una serie di edifici demaniali, per il recupero degli ipogei dell’Acqua Amara e del Purgatorio, per il completamento del Teatro Samonà e per il ripristino delle condotte fognarie tra le contrade San Calogero e Isabella di Sciacca”.

L’assessore Falcone e l’architetto La Mendola hanno anche ribadito al sindaco Micciché la loro disponibilità a lavorare insieme per la rigenerazione di Agrigento. “Ringrazio l’architetto La Mendola e l’assessore per la loro disponibilità – ha commentato il sindaco Miccichè – Molti non sanno che l’assessore Falcone è stato il primo a chiamarmi per congratularsi subito dopo le elezioni annunciandomi che tutti insieme avremmo lavorato per il bene della nostra città e invitandomi a presentare progetti perché c’era la possibilità di farli finanziare in tempi brevi. Ed è proprio quello che faremo, grazie anche alla collaborazione dell’architetto La Mendola”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su